Meeting, Bonaccini sul Covid: "Situazione sotto controllo, ma attenzione". Il punto sulla scuola

Il presidente della regione: "Sulla riapertura della scuola mettiamoci tutto quello che serve. La didattica a distanza non basta"

Sull'emergenza coronavirus "per ora mi pare che la situazione, pur in crescita, sia ancora sotto controllo". Lo dice il presidente della Regione Emilia-Romagna e della Conferenza delle Regioni, Stefano Bonaccini. Intervistato da Sky Tg24 a margine del Meeting di Rimini, spiega Bonaccini partendo dal quadro nazionale: "Se guardiamo a quello che accade nel resto d'Europa, questo è un paese che in questo momento sta arginando meglio di altri la pandemia. Però i numeri sono in crescita, e credo sia dovuto, da quello che registriamo e studiamo, ai rientri da vacanze dall'estero o in giro per l'Italia. Si è abbassata molto l'età media dei positivi, seppur siano molto meno gravi di quando, qualche mese fa, avevamo i reparti di terapia intensiva pieni. Oggi ne abbiamo otto in Emilia-Romagna, erano quasi 500 solo qualche mese fa". Però, raccomanda Bonaccini, "bisogna stare molto attenti, evitare di dire che il virus è sconfitto e chiedere alle persone di garantire e mantenere comportamenti adeguati. Ed evitare che per colpa di qualche imbecille o irresponsabile si debba tornare a chiudere quello che faticosamente, con grandi sacrifici, abbiamo riaperto. In questa regione, la situazione è oggi sotto controllo". 

Scuola e riapertura

Sulle scuole Bonaccini rassicura: "Non ci voglio neanche pensare che noi non ripartiamo a metà settembre con gli studenti tutti in classe e gli insegnanti di fronte a loro, mettendo in campo tutto quello che serve per garantire il massimo di sicurezza. Serve grande relazione tra chi guida le istituzioni scolastiche e gli esperti. Abbiamo ottenuto per gli studenti che bastasse un metro, e non due, tra bocca e bocca. Anche perché, altrimenti, diventa incomprensibile- osserva Bonaccini- come al ristorante tu possa stare a un metro o a un centimetro senza mascherina per ore, mentre in classe dovresti stare molto più lontano".

In ogni caso, "per quanto mi riguarda, la scuola non è altro che un insegnante di fronte agli studenti: va bene il remoto, che ci ha garantito che si potesse continuare a fare attività. Ma la scuola non è solo apprendimento, è anche socialità", precisa Bonaccini. Che aggiunge sull'emergenza sanitaria: "Noi oggi stiamo aggredendo il virus. Facciamo più di 10.000 tamponi al giorno e migliaia di test sierologici. Bisognerebbe farlo in tutte le regioni. In Emilia-Romagna partiamo lunedì con test sierologici a tappeto, verificheremo come stanno tutti gli oltre 80.000 operatori della scuola".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

(Agenzia Dire)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cimici: 4 rimedi naturali per allontanarle da casa

  • Stroncato da un'overdose, giovane padre di famiglia ritrovato senza vita nel garage

  • Lo storico negozio annuncia la sua chiusura sui social dopo 54 anni di attività

  • Regolamento di conti per droga sfocia in tentato omicidio: giovane lotta per la vita, due arresti

  • Ristorante riminese nel top restaurant di TripAdvisor

  • Assalto esplosivo al bancomat, danni al Comune: "Uno scenario da guerra"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RiminiToday è in caricamento