I messaggi di Papa Francesco e Sergio Mattarella aprono il Meeting di Rimini

Le parole che il Segretario di Stato, Cardinale Pietro Parolin, ha inviato al Meeting a nome di Papa Francesco, descrivono con forza il contesto in cui si colloca la 36esima edizione della manifestazione che si aprirà giovedì

"Il dramma di oggi consiste nel pericolo incombente della negazione dell’identità e della dignità della persona umana. Una preoccupante colonizzazione ideologica riduce la percezione dei bisogni autentici del cuore per offrire risposte limitate che non considerano l’ampiezza della ricerca di amore, verità, bellezza, giustizia che è in ciascuno". Le parole che il Segretario di Stato, Cardinale Pietro Parolin, ha inviato al Meeting a nome di Papa Francesco, descrivono con forza il contesto in cui si colloca la 36esima edizione della manifestazione che si aprirà giovedì.

Un Meeting che metterà al centro il cuore dell’uomo, il suo bisogno, il suo desiderio infinito, la mancanza che lo riempie. Sono questa mancanza e questo bisogno la grande risorsa dell’uomo, non solo nella dimensione personale dell’esistenza, ma anche nella  dimensione sociale e civile. Un uomo che riconosce la propria mancanza è un uomo aperto, curioso, desideroso di dialogare, di incontrare altri uomini, riconoscendo in essi  innanzitutto un bene, un valore per sé. È, al contrario, il dogmatismo della propria presunta autonomia, ideologica, etnica o religiosa, a generare violenza.

È per questo che il Meeting si inaugura con un incontro che vuole riaffermare la certezza che l’atteggiamento religioso, le religioni, in quanto baluardo contro il nichilismo, rappresentano, in ogni società laica un bene per tutti. “Le Religioni sono parte della soluzione, non il problema” è l’incontro che apre la 36esima edizione del Meeting e su questo tema interverranno S. Em. Card. Jean-Louis Tauran, Presidente del Pontificio Consiglio per il Dialogo Interreligioso, Azzedine Gaci, Rettore della Moschea Othmane di Villeurbanne e il Gran Rabbino di Francia, Haïm Korsia.

"Dalla capacità di dialogo, di comprensione reciproca, di collaborazione tra le religioni monoteiste – scrive nel suo messaggio il presidente Mattarella - dipenderà la pace nel mondo. Di questo dobbiamo essere consapevoli. Il terrorismo, alimentato anche da fanatiche distorsioni della fede in Dio, sta cercando di introdurre nel Mediterraneo, in Medio Oriente, in Africa i germi di una terza guerra mondiale. Sta alla nostra responsabilità fermarla». «La democrazia si esporta con la cultura e con l’esempio», conclude Mattarella.

Il messaggio di Papa Francesco prosegue citando Don Giussani: «Le esigenze umane costituiscono riferimento, affermazione implicita di una risposta ultima che sta al di là delle modalità esistenziali sperimentabili. Se venisse eliminata l’ipotesi di un “oltre”, quelle esigenze sarebbero innaturalmente soffocate». «Con il tema di quest’anno – continua poi il messaggio del Papa - il Meeting può cooperare a un compito essenziale della Chiesa, cioè «non consentire che qualcuno si accontenti di poco, ma che possa dire pienamente: “Non vivo più io, ma Cristo vive in me”».   

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Qui sta il contributo che la fede cristiana offre a tutti e che il Meeting può testimoniare innanzitutto con la vita delle persone che lo realizzano». E il presidente Mattarella scrive: «La persona è il fondamento della comunità e dello Stato. La sua libertà, il valore incomprimibile del suo essere unica e irripetibile, l’integralità dei diritti umani preesistono, come indica l’articolo 2 della nostra Costituzione, agli stessi ordinamenti. Da questa radice è nato il Meeting, che nel tempo ha prodotto centinaia di incontri e discussioni, ha arricchito il dialogo, ha sviluppato maturazioni e amicizie. In questa esperienza si sono formati tanti giovani, è cresciuta e si è fatta adulta la vostra associazione, ne ha tratto ricchezza il pluralismo della nostra società e della nostra cultura". Quindi l'invito di Papa Francesco ad "andare incontro a tutti sostenuti dal desiderio di proporre con forza, bellezza e semplicità la buona notizia dell’amore di Dio". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, quota 100 contagiati nel Riminese: boom di tamponi

  • Tragedia sul campo da calcio, muore a 9 anni mentre gioca con gli amici

  • Continuano a crescere i nuovi positivi, Rimini tra le province peggiori in regione

  • Coronavirus, contatti diretti e indiretti: cosa fare se sospetto di essere stato contagiato?

  • Nuovo dpcm, è un mini lockdown: ristoranti chiusi alle 18. Stop per cinema, palestre e teatri

  • Coronavirus, in arrivo la nuova stretta. Verso lo stop di palestre e cinema. Per i ristoranti chiusura anticipata

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RiminiToday è in caricamento