Inaugurato ufficialmente il Metromare, il ministro: "Mi impegno per le prossime tratte"

Si è inaugurato sabato mattina col taglio del nastro a Riccione e gli interventi delle autorità a Rimini, il Metromare, nuova linea di trasporto pubblico

Si è inaugurato sabato mattina col taglio del nastro a Riccione e gli interventi delle autorità a Rimini, il Metromare, nuova linea di trasporto pubblico che aggiunge un elemento strategico per ridisegnare il sistema della mobilità sul territorio. L’obiettivo finale è quello di alleggerire il peso del traffico veicolare quotidiano, offrire l’opportunità di spostamenti rapidi, sicuri e meno inquinanti, facilitare la connessione con i punti nevralgici degli arrivi legati all’industria turistica. Il Metromare migliora la raggiungibilità e la mobilità di un territorio che attrae decine di milioni di presenze turistiche annue.

All’inaugurazione Paola De Micheli, Ministra delle Infrastrutture e dei Trasporti e Stefano Bonaccini, Presidente Regione Emilia-Romagna, coi sindaci del territorio ed il Presidente della Provincia Riziero Santi. Nei prossimi giorni verrà siglato un protocollo d'intesa tra Regione, Provincia e i comuni interessati, per garantire il proseguimento del Metromare da Riccione a Cattolica e allungare quindi l’attuale percorso fino a comprendere le città di Rimini e Cattolica. Un impegno previsto dall'Accordo di Programma sottoscritto nel 2008 da tutti gli enti interessati. In questo modo anche Misano Adriatico e Cattolica, non servite dalla rete dell'Alta Velocità, potranno superare ciò e tutte le stazioni diverranno degli hub intermodali.

Stesso ragionamento vale per il Comune di Santarcangelo. Il secondo tratto del Metromare raggiungerà la Fiera di Rimini, ma da lì dovrà proseguire verso la Stazione di Santarcangelo, che così diventerà la porta d'accesso della Valmarecchia. Gli spostamenti dei pendolari, studenti e lavoratori, ne trarranno grande vantaggio e l'intero sistema turistico finalmente potrà muoversi lungo la costa. e non solo, con grande facilità e comodità.  Verrà assicurato non solo maggiore velocità e certezza dei tempi, ma anche grande cura dell'ambiente, auto che vengono tolte dalle strade, meno CO2 prodotta e un'idea seria e realizzabile della mobilità sostenibile, a vantaggio di tutti, superando divisioni e campanilismi.

Il Metromare collega le due più grandi città della Provincia in meno di 25 minuti, con bus che corrono su sede dedicata; ha avuto un costo di 92,053 milioni di Euro finanziato per il 60% dallo Stato e per il restante 40% dagli enti locali sottoscrittori dell’Accordo di Programma: Regione Emilia Romagna, Provincia di Rimini, Comune di Rimini, Comune di Riccione e Patrimonio Mobilità Provincia di Rimini (PMR). Il progetto è stato gestito da PMR, tutti i contratti stipulati sono stati gestiti all’interno del limite di spesa, tutte le fasi di collaudo dei contratti si sono esaurite senza contenziosi, compresi i 680 espropri (residuano gli ultimi 14 procedimenti).

Oltre ai capolinea, sono 15 le fermate intermedie, partendo da Riccione sono state denominate: Porto, Dante, Alba, D’Annunzio Nord, Marano, Miramare Airport, Miramare Station, Fiabilandia, Rivazzurra, Marebello, Bellariva, Toscanini, Lagomaggio, Pascoli e Kennedy. Attenzione alla sicurezza, con 98 telecamere monitorate da una sala controllo. Sul sito di Start Romagna (area Info e News) sono disponibili gli orari della linea 11 del filobus che svolge servizio sui lungomari, in vigore da lunedì 25 novembre.

L’asta di collegamento più baricentrica è un contributo decisivo anche per facilitare l’attraversamento di quella che è sempre stata una barriera storica fra area urbana e area turistica. A ciò contribuiranno le opere realizzate: 4 nuovi sottopassi carrabili, 3 nuovi sottopassi e 9 ristrutturati, 9 sottovia, 2 ponti e 7 ponticelli scatolari. Inoltre, quattro rotatorie per l’inversione di marcia dei bus.

Di rilievo il risparmio ambientale. Secondo una indagine di qualche tempo fa, l’utilizzo a pieno regime del nuovo sistema ridurrà il traffico sulla direttrice costiera riminese di oltre diecimila auto al giorno. Le analisi sugli impatti indicano che l’inquinamento atmosferico da polveri sottili sarà ridotto dell’11%. Si tratta di circa 50 tonnellate in meno di polveri sottili all’anno. Risparmi anche di tempo rispetto alle attuali possibilità: nel periodo estivo anche del 60%.

Il servizio, con transiti ogni 20 minuti, è partito con mezzi a metano e ibridi di nuova generazione. Resteranno in servizio fino all’arrivo di quelli definitivi e il loro rapido collaudo. La fase sperimentale si è resa opportuna per le difficoltà della società che si era aggiudicata la fornitura tramite bando pubblico europeo. Ora Metromare attende i nuovi mezzi da Exqui.City, il cui ritardo nella consegna ha una penale per il costruttore di mille euro per singolo mezzo, al giorno, a partire dal 22 agosto 2019. Ad oggi la stima di PMR è che tutti i mezzi previsti per la configurazione definitiva del Metromare siano disponibili a fine di febbraio 2020.

Altra particolarità del Metromare, che lo rende un unicum, è la contemporanea presenza di vari elementi: la corsia dedicata per i bus, la trazione elettrica, la gestione programmata delle fermate. Non esiste in Europa un sistema così congegnato, chiamato nel settore BRT Bus Rapid Transit.

Paola De Micheli Ministra delle Infrastrutture e dei Trasporti ha tenuto a battesimo l'opera: “Volontà di scegliere, determinazione, visione. Sono le tre sottolineature che oggi mi vengono in mente per condividere una giornata così importante. Questa è una terra che sceglie con responsabilità e cerca di farlo insieme; il Metromare è figlio di questa propensione. E’ una terra determinata e col Metromare non ha arretrato nelle difficoltà, anzi ha spinto con forza per arrivare ad inaugurarlo nei tempi e nei modi previsti. Poi la visione che è ben percepibile dalle parole degli amministratori, che sento sistematicamente, ed è la qualità della vita dei cittadini di questo territorio. Mi impegno formalmente a liberare queste virtù, a cercare di superare burocrazie e ostacoli. Ci vedremo subito dopo l’inaugurazione per individuare insieme la modalità giusta che sblocchi i progetti che sono pronti. Non ci fermiamo, c’è bisogno di rendere più bella e più sicura l’area della stazione. Mi impegno a dare risposte a scelte che hanno l’obiettivo di migliorare ancora questa terra così laboriosa”.

Così Stefano Bonaccini Presidente Regione Emilia-Romagna: “Oggi inauguriamo un’infrastruttura molto importante per tutta la costa. È un primo tassello all’interno di un progetto più ampio che ci porterà a realizzare una grande città metropolitana del mare. E stiamo al lavorando sia per estendere il Metromare verso la fiera e fino a Cattolica, sia per potenziare il servizio ferroviario verso Nord, con treni ad alta frequenza. Questo ci permetterà di offrire un’alternativa moderna, sicura, sostenibile ed efficiente per chi si sposta per lavoro, studio o turismo, ma anche di aumentare la qualità della vita nelle città, creando ad esempio le condizioni per poter pedonalizzare il lungo mare e renderlo facilmente raggiungibile e sempre più godibile. Oggi raggiungiamo un traguardo per il quale abbiamo lavorato duramente e insieme ai territori. Abbiamo aperto il cantiere subito, appena ottenuta la disponibilità dei fondi statali, e l’abbiamo chiuso nei tempi stabiliti, senza contenziosi e rispettando i costi previsti, con un grande lavoro di squadra.” 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, quota 100 contagiati nel Riminese: boom di tamponi

  • Tragedia sul campo da calcio, muore a 9 anni mentre gioca con gli amici

  • Coronavirus, contatti diretti e indiretti: cosa fare se sospetto di essere stato contagiato?

  • Continuano a crescere i nuovi positivi, Rimini tra le province peggiori in regione

  • Nuovo dpcm, è un mini lockdown: ristoranti chiusi alle 18. Stop per cinema, palestre e teatri

  • Coronavirus, in arrivo la nuova stretta. Verso lo stop di palestre e cinema. Per i ristoranti chiusura anticipata

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RiminiToday è in caricamento