Microaree, la Lega: "Se sono nomadi devono andare via, dobbiamo pensare prima agli italiani"

Bruno Galli: "Se verrò eletto, farò di tutto per fare di questa legge carta straccia"

Secondo i dai dell'ultimo censimento del 2019 a Rimini i Sinti e i Rom sono 136 e vivono in 8 insediamenti. Il campo più consistente è in via Islanda, dove vive una ventina di persone. Il progetto del Comune per distribuirli in microaree riguarda sei famiglie, tutti cittadini italiani residenti nel Comune di Rimini. Con questo progetto il Comune ha partecipato al bando indetto dalla Regione Emilia Romagna in base alla propria legge del 16 luglio 2015, n. 11.

Sulla situazione interviene la Lega che attacca proprio la legge regionale. “E’ una legge sbagliata che, una volta eletti, provvederemo a smantellare”. Bruno Galli, segretario provinciale e candidato della Lega alle prossime elezioni regionali del 26 gennaio, continua a sostenere una delle priorità del programma amministrativo del candidato governatore Lucia Borgonzoni, vale a dire l’annosa questione delle microaree destinate ai nomadi.

I dati del censimento

“Non è un problema di discriminazione razziale – ricorda Galli – ma la cittadinanza a Rimini e in altre centri ci chiede di pensare prima agli italiani. Se sono nomadi se ne devono andare e in Regione, qualora venissi eletto, farò di tutto per fare di questa legge carta straccia. Non siamo tranquilli nemmeno a Rimini, cosa farà il Pd dopo le elezioni? Come mai non se ne parla più? Confermo il mio impegno e quello del partito che rappresento”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“A Rimini è tutto fermo – conferma il consigliere comunale Matteo Zoccarato, uno dei più attivi nella battaglia accanto alla popolazione - ma i dubbi restano e per questo bisognerà tenere sempre le antenne dritte. Spero che i miei colleghi in sede regionale sappiano fermare progetti assurdi come questo con dispendio di denaro pubblico. Qui la Lega e i comitati hanno saputo mettere i paletti, in altre città della regione no. La nostra battaglia continua: Bruno Galli e Lucia Borgonzoni, se il popolo li eleggerà, sapranno farsi valere anche in questo cancellando una legge regionale di Bonaccini sbagliata e pericolosa”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, a breve un nuovo decreto: nuove regole più ristrettive

  • La fortuna bacia la Romagna con un "gratta e vinci" da due milioni di euro

  • Continua la galoppata dei nuovi contagiati, alunni della materna in quarantena

  • Carlo Cracco vignaiolo, lo chef inizia la vendemmia nella sua tenuta

  • Nuovo decreto: ingressi scaglionati a scuola, palestre e piscine a rischio chiusura

  • Facoltoso ristoratore intasca il reddito di cittadinanza

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RiminiToday è in caricamento