menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Non viene pagato e minaccia il datore di lavoro col fucile

Un artigiano foggiano di 49 anni, domiciliato a Bellaria-Igea Marina, è stato arrestato nella tarda serata di lunedì dai Carabinieri di Riccione

Un artigiano foggiano di 49 anni, domiciliato a Bellaria-Igea Marina, è stato arrestato nella tarda serata di lunedì dai Carabinieri dell’Aliquota Radiomobile della Compagnia di Riccione con l’accusa di ricettazione, porto e detenzione illegale di arma e minaccia aggravata. L’uomo si è presentato armato di fucile in un’azienda di San Clemente, dove ha intimato al titolare, un 53enne di Cattolica, di esser pagato per i precedenti lavori effettuati per conto dell’azienda.

Mentre l’individuo si aggirava all’interno azienda, il personale della vigilanza Civis Augustus, che stavano passando in zona, notando dall’esterno la presenza di un uomo armato, hanno richiesto l’intervento dei Carabinieri. I militari, giunti tempestivamente sul posto, hanno bloccato il 49enne, che nel frattempo aveva abbandonato il fucile. Gli investigatori hanno perquisito l’abitazione del foggiano, originario di San Severo e già noto alle forze dell’ordine.

In casa è stata rinvenuta una doppietta Bernardelli a canne mozze, con due cartucce inserite, risultata provento di furto commesso a San Salvo il 14 dicembre scorso, una cartucciera con all’interno 39 cartucce calibro 12, un coltello a scatto ed un tirapugni, e un binocolo ed una bomboletta spray con liquido urticante. Ora si trova in carcere a Rimini.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Salute

Ecco i 3 momenti della vita in cui si ingrassa di più

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RiminiToday è in caricamento