Misano Adriatico: in 170 partecipano alla Festa della Solidarietà IOR

Il tradizionale pranzo di beneficenza dei Volontari dell'Istituto Oncologico Romagnolo

Domenica 22 ottobre il Ristorante Il Mulino di via Ponte Conca 1 ha ospitato la Festa della Solidarietà, tradizionale pranzo di beneficenza dei Volontari IOR di Misano Adriatico. L’evento, che ha visto la partecipazione di 170 persone, è stato un autentico successo. Grazie al pubblico accorso, la “Festa della Solidarietà” ha registrato il significativo ricavato di 6.513 euro, interamente devoluto all’Istituto Oncologico Romagnolo allo scopo di attivare un servizio d’assistenza domiciliare per i pazienti di Riccione e dintorni. Il pranzo ha rappresentato l’occasione per tutti i Volontari IOR di Misano Adriatico e i convenuti per trascorrere un pomeriggio all’insegna della cordialità e della beneficenza, e per aggiudicarsi alla lotteria i ricchi, prestigiosi premi messi generosamente a disposizione dagli esercenti locali. Durante l’evento hanno preso la parola il Direttore Generale dell’Istituto Oncologico Romagnolo, Fabrizio Miserocchi, che ci ha tenuto a ringraziare sentitamente i Volontari, la cui attività rimane fondamentale per portare avanti la missione dello IOR di essere sempre vicini a chi soffre e insieme a chi cura.

Presente anche la dott.ssa Elisa Ruggeri, psiconcologa IOR, che ha presentato il servizio d’assistenza domiciliare che l’Istituto vuole riattivare dopo tanto tempo. “Offrire sostegno in una fase così delicata della vita delle persone, laddove la guarigione dalla malattia non è più possibile, rende necessario strutturare un servizio che si avvalga di volontari adeguatamente formati. Nel setting domiciliare, oltre al supporto emotivo e alla compagnia ai malati, questo progetto può diventare una risorsa importante anche per i famigliari e i caregiver, alleggerendo loro il carico emotivo di una situazione tanto delicata. Anche laddove il tumore non sia più guaribile rimane comunque sempre curabile: alleviare i sintomi pesanti delle fasi terminali della lotta significa anche aumentare l’aspettativa di vita, per poter donare una quantità e una qualità di tempo il più alta possibile da trascorrere coi propri cari”. 

Nel corso della giornata, cui era presente anche il Sindaco di Misano Adriatico, l’avv. Stefano Giannini, sono stati ringraziati tutti i volontari per il loro impegno alla causa: citati in particolare Sesto Forti e Anna Martini, i cuochi che hanno portato avanti la Festa della Solidarietà presso il Centro Sociale del Bianco durante le edizioni precedenti. I due hanno ricevuto direttamente dalle mani del Direttore Generale Fabrizio Miserocchi la medaglia IOR, piccolo riconoscimento nato proprio per premiare la costanza e la regolarità con cui una persona sostiene la lotta contro il cancro in Romagna portata avanti dallo IOR.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Chiara Ferragni stringe un accordo con gruppo di moda romagnolo: "I primi a credere in me dieci anni fa"

  • Ristorante accusato di razzismo, non ci furono saluti fascisti

  • Il mondo della notte piange la scomparsa di Giancarlo Montebelli

  • Coronavirus, l'Emilia Romagna resta "arancione". In arrivo ordinanza più soft: riaprono i negozi nei festivi

  • Scacco allo spaccio, sequestrati oltre 21 chili di stupefacente

  • Guida Michelin 2021, le "stelle" brillano nel Riminese con una novità

Torna su
RiminiToday è in caricamento