menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

A Misano un'area in sicurezza per i bambini affetti da autismo: aperto anche a Pasquetta

Il Comune aderisce al progetto "Spazi sicuri all'aperto", in collaborazione con il servizio di Neuropsichiatra dell'infanzia e della adolescenza e Ausl Romagna

E’ partito anche a Misano Adriatico il progetto “Spazi sicuri all’aperto’, in collaborazione ed accordo con il servizio della Neuropsichiatra dell’infanzia e della adolescenza e con il centro per l’Autismo dell’AUSL Romagna. Il Comune ha accolto con favore questa importante iniziativa e ha messo a disposizione del progetto, che è rivolto ad alcune famiglie individuate dal servizio preposto, il giardino antistante la scuola primaria di Misano Monte. Uno spazio ampio, verde e delimitato che consente di mantenere il rispetto delle necessarie distanze di sicurezza a tutela dei bambini e ragazzi che ne usufruiranno.

Il parco sarà aperto dal lunedì (compreso il lunedì di Pasqua) al sabato, sia al mattino che al pomeriggio per consentire nell'arco della settimana più accessi, ma sempre limitati ad un massimo di due utenti e relativi accompagnatori per volta, al fine di evitare assembramenti di persone.

“In questo drammatico momento – spiega il Vicesindaco Malpassi- siamo tutti chiamati al rispetto delle regole che, a tutela della salute pubblica, ci impongono di restare a casa e spostarci solo per lavoro, necessità e motivi di salute. La nostra routine quotidiana è cambiata drasticamente, ma per alcune categorie di persone questo cambio di abitudini non è semplicemente un disagio come per noi, ma un vero e proprio trauma. In particolare lo è per questi bambini e ragazzi che necessitano assolutamente di mantenere più possibile la loro routine e di muoversi in spazi meno costrittivi delle mura domestiche, anche per non vedere regredire i percorsi intrapresi e a tutela del loro benessere psicofisico. È un modo inoltre per alleviare le difficoltà che le famiglie in queste settimane stanno vivendo e che talvolta diventano difficili da gestire nella solitudine di casa. Ecco perché abbiamo accolto, nel rispetto di tutte le doverose precauzioni possibili e delle misure di distanziamento vigenti, questa preziosa opportunità che vuole essere un aiuto concreto per alleviare il disagio di queste famiglie e dei nostri ragazzi e bambini più fragili”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Simbolo di Rimini, storia e curiosità del grattacielo

social

Ricette con uova, 4 idee creative da gustare

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RiminiToday è in caricamento