Montecopiolo e Sassofeltrio: voto favorevole in commissione per il passaggio in Romagna

Il senatore Croatti (M5s): "Faremo di tutto per fare in modo che la scelta democratica dei cittadini di Sassofeltrio e Montecopiolo sia finalmente rispettata senza ulteriori ritardi"

La commissione parlamentare per le questioni regionali ha dato parere favorevole al passaggio dei comuni di Sassofeltrio e Montecopiolo dalla regione Marche alla Regione Emilia Romagna, nell’ambito della Provincia di Rimini. Montecopiolo e Sassofeltrio sono due piccoli comuni delle Marche che nel giugno del 2007 votarono questo passaggio con un referendum a larghissima maggioranza, 83 e 87 per cento. “Ancora questo passaggio non è avvenuto - è il commento del Senatore del Movimento 5 Stelle Marco Croatti. - Per l’ostruzionismo della regione Marche che tuttora, a distanza di 12 anni, non ha ancora voluto fornire un parere. Non si può perdere altro tempo. Pur non essendo commissario ho partecipato questa mattina ai lavori della commissione Affari Regionali. Ritengo importante che gli eletti del territorio di tutte le forze politiche spingano con determinazione nella stessa direzione, nel rispetto del voto dei cittadini e della Costituzione. È arrivato il momento di compiere l’ultimo passo per attivare finalmente il passaggio dei due comuni”.

Una sentenza della Corte Costituzionale ha stabilito che la mancanza del parere di uno degli organi consultati non può procrastinare sine die il termine, configurandosi, altrimenti, un potere sospensivo o addirittura di veto. Dopo il parere favorevole della Commissione parlamentare si individuerà un termine per la nomina del Commissario che finalmente promuoverà l’attuazione della legge. “Faremo di tutto - conclude Croatti - per fare in modo che la scelta democratica dei cittadini di Sassofeltrio e Montecopiolo sia finalmente rispettata senza ulteriori ritardi, superando l’ostruzionismo di chi, fino ad oggi, ha palesemente disprezzato il loro volere”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Il passaggio dei due comuni marchigiani di Montecopiolo e Sassofeltrio alla regione Emilia-Romagna è sempre più vicino - ha affermato in una nota l’on. Jacopo Morrone, segretario nazionale della Lega Romagna. - Nel primo pomeriggio di oggi, la commissione Affari costituzionali della Camera, ai cui lavori ho preso parte insieme al collega on. Gianluca Vinci, segretario della Lega Emilia, ha licenziato il testo del disegno di legge che concretizzerà il sogno degli abitanti dei due comuni, dando il mandato al relatore on. Igor Iezzi di riferire in Aula sul testo approvato. L’auspicio è che i tempi per l’approvazione definitiva del provvedimento siano i più brevi possibile. Anche in questo caso abbiamo dimostrato quanto questo Governo e la maggioranza pongano attenzione all’ascolto dei territori e a dare risposte positive alle loro richieste”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, a breve un nuovo decreto: nuove regole più ristrettive

  • La fortuna bacia la Romagna con un "gratta e vinci" da due milioni di euro

  • Continua la galoppata dei nuovi contagiati, alunni della materna in quarantena

  • Nuovo decreto: ingressi scaglionati a scuola, palestre e piscine a rischio chiusura

  • Il romagnolo ex fidanzato di Belen torna in tv tra i corteggiatori di "Uomini e Donne"

  • Nuovi casi di Covid pericolosamente vicini a quota 100, Rimini tra i peggiori in regione

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RiminiToday è in caricamento