Cronaca Novafeltria

Montecopiolo entra nell'Unione dei Comuni Valmarecchia

Si allargano a 11 le amministrazioni dell'unione, un ingresso nel gruppo sancito dal voto unanime dei consiglieri

Da mercoledì 27 aprile l’Unione dei Comuni Valmarecchia si allarga e diventa a undici. Nel consiglio di ieri sera è stata infatti approvata la modifica dello Statuto per consentire l’adesione di Montecopiolo (con relativa approvazione della convenzione per l’esercizio delle funzioni associate), che da qualche mese è entrato a far parte della Provincia di Rimini e da oggi diventa l’undicesimo Comune della squadra completata da Santarcangelo, Verucchio, Poggio Torriana, Novafeltria, San Leo, Maiolo, Talamello, Sant’Agata Feltria, Pennabilli e Casteldelci.

Un ingresso nel gruppo sancito dal voto unanime dei consiglieri, aspetto accolto con grande favore dalla presidente Stefania Sabba. “L’ingresso di un nuovo Comune e l’entusiasmo espresso dal sindaco Pietro Rossi sono indubbiamente un’opportunità e un nuovo slancio per un ente che da oggi rappresenta un territorio dalle potenzialità ancor più elevate: Montecopiolo con la sua stazione sciistica è un volano importante per completare l’offerta turistica e l’approccio propositivo del primo cittadino che ha fortemente voluto questa adesione è uno stimolo a unire sempre più le forze. Nell’occasione vorrei rivolgere un ringraziamento agli uffici e ai facilitatori che stanno accompagnando l'Unione in questa fase molto delicata e complessa, perché da subito hanno avviato procedure e atti per dare immediatamente risposte e servizi alla comunità di Montecopiolo e consentire poi l'ingresso del Comune” il suo commento.

Pietro Rossi da parte sua ribadisce: “Entrare in Emilia Romagna e in Provincia di Rimini ha comportato grandi novità per il nostro Comune, non ultima l’ingresso nell’Unione Valmarecchia. Un’azione fortemente voluta che non sarebbe stata possibile senza il supporto della regione Emilia-Romagna al quale va un grande ringraziamento. Questa scelta non vuole essere solo un delegare funzioni, ma essere parte attiva del processo politico e territoriale ché dovrà, necessariamente, porsi l'obiettivo di azzerare le distanze quanto più di promuovere una terra che ha un grandissimo potenziale.. Da oggi non mi sento quindi solo il sindaco di Montecopiolo, ma un rappresentante di un’intera vallata”.

E’ stata quindi l’assessora al bilancio Alice Parma a illustrare il Rendiconto 2021, documento che conferma la solidità economica dell’Unione. Se le entrate extra-tributarie sono rappresentate quasi esclusivamente dalle sanzioni della Polizia Locale (lo scorso anno ne sono state incassate per oltre 300.000 euro), le spese sono coperte al 90% dalle quote dei vari Comuni e per il restante 10% da contributi regionali, mentre l’avanzo di amministrazione è di 4 milioni e 365.000 euro. Cifra in crescita rispetto all’anno precedente, ma in pratica quasi interamente destinata: 870.000 euro di avanzo libero vanno ad esempio a costituire il fondo di solidarietà e riequilibrio con cui in corso d’anno si coprono le spese relative ai servizi sociali e in particolare ai minori dei vari Comuni. Un’altra porzione di 547.000 euro è stata invece accantonata in capo ai Comuni, che possono decidere se utilizzare la propria porzione per ridurre la quota annuale, rimetterla in circolo per coprire servizi o destinarla al fondo di solidarietà come da indirizzi 2021. Ci sono infine accantonamenti per fondi vari per circa 300.000 euro e fondi vincolati per un altro milione di euro su servizi sociali e Polizia Locale 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Montecopiolo entra nell'Unione dei Comuni Valmarecchia
RiminiToday è in caricamento