menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Due comuni "dimenticati", i romagnolisti del Mar denunciano la Regione Marche

L'Assemblea annuale del Movimento per l'Autonomia della Romagna (M.A.R) per la sua XIX edizione si è ritrovata a Pugliano, Comune di Montecopiolo, nel Montefeltro, fra le montagne di Valmarecchia e Valconca. Per arrivare a Montecopiolo si passa da San Leo

L'Assemblea annuale del Movimento per l'Autonomia della Romagna (M.A.R) per la sua XIX edizione si è ritrovata a Pugliano, Comune di Montecopiolo, nel Montefeltro, fra le montagne di Valmarecchia e Valconca. Per arrivare a Montecopiolo si passa da San Leo. Però tra i due centri vi è il confine di regione: finisce l'Emilia-Romagna e cominciano le Marche. La scelta del posto non è casuale

Spiega un comunicato del Mar: “Gli abitanti di Montecopiolo, romagnoli da sempre per cultura, lingua, tradizioni, vogliono essere ricongiunti ai loro fratelli e già sette anni fa, hanno deciso democraticamente con un referendum costituzionale per l'annessione alla provincia di Rimini, con una percentuale dell'87%. Con loro, gli abitanti di Sassofeltrio. È partito l'iter previsto dalla Legge, che è proseguito, lentamente, fino al 2012. In quell'anno si è avuto il pronunciamento della Regione Emilia-Romagna, a favore dell'ingresso dei due comuni. Si attendeva in contemporanea il parere della Regione Marche, che invece ad oggi non è arrivato. Non è che il Consiglio regionale Marche non si riunisca: semplicemente non esprime il proprio parere, che, in base all’art. 132 della Costituzione italiana è obbligatorio, indipendentemente dal fatto che possa essere contrario o favorevole al passaggio. Ogni volta la maggioranza del consiglio regionale Marche  ha trovato scuse per posticipare tale pronunciamento, ostacolando e bloccando di fatto la strada di Montecopiolo e Sassofeltrio verso il passaggio alla Romagna”.

Per questo I lavori dell'assemblea si sono conclusi con l'approvazione all'unanimità di una mozione volta a chiedere al MAR di querelare, presso le sedi preposte, la Giunta della Regione Marche per omissione di atti d'ufficio in relazione al mancato pronunciamento sul passaggio dei due comuni dalle Marche all'Emilia-Romagna.

Continua la nota: “Oggi i cittadini di Montecopiolo e Sassofeltrio sono esasperati. Fuori dell'hotel, sede dell'assemblea del MAR, campeggiava fin dalle primissime ore di  sabato 10 maggio lo striscione “La democrazia è morta”. Sopra di esso un altro striscione recitava: “Referendum 24/25 giugno 2007: sì 87%. Montecopiolo e Sassofeltrio in Emilia-Romagna”. Dopo anni di tentativi andati a vuoto, i sindaci dei due comuni, Alfonso Lattanzi (Montecopiolo) e Francesco Formoso (Sassofeltrio) hanno intrapreso la via giudiziaria. Il 29 aprile hanno indirizzato al Consiglio regionale delle Marche un atto di diffida affinché esprima il proprio parere entro trenta giorni”.

Oltre alla questione, grave, di Montecopiolo e Sassofeltrio, esiste anche la più ampia questione romagnola. Il M.A.R. si batte da sempre per la creazione della Regione Romagna, la 21a Regione d'Italia. In questo periodo di riforme costituzionali ed in particolare di revisioni dell'architettura istituzionale italiana, il MAR sottolinea la necessità di non dimenticare l'ormai annosa questione romagnola.

Ha aperto i lavori dell'assemblea il sindaco di Montecopiolo Alfonso Lattanzi, che ha portato i saluti della propria amministrazione. In seguito è intervenuto il coordinatore regionale, Samuele Albonetti, il quale ha elencato le numerose iniziative intraprese dal M.A.R. negli ultimi 12 mesi: in particolare ha sottolineato la fervida attività nell'imolese. È stata citata la creazione del comitato referendario imolese, volto a raccogliere le firme per la celebrazione di un referendum sulla Città metropolitana di Bologna.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Sicurezza

Odore di fumo in casa, 5 trucchi per eliminarlo

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RiminiToday è in caricamento