Cronaca

Morciano trova un punto di equilibrio per l'apertura di via Colombari

Un accordo che permette all'amministrazione di mettere un punto fermo sul futuro di via Colombari all'interno del progetto di riqualificazione urbana 'ex Ghigi'

Il Consiglio comunale di Morciano trova la 'quadra' sull'apertura di via Colombari. Nella seduta di giovedì è stato approvato un accordo di pianificazione in variante agli strumenti urbanistici comunali con adozione della relativa variante. Un accordo che permette all'amministrazione di mettere un punto fermo sul futuro di via Colombari all'interno del progetto di riqualificazione urbana 'ex Ghigi', trovando un equilibrio tra richieste del privato e interesse pubblico, che permetterà dunque la creazione di una nuova viabilità interna funzionale al paese. Si tratta di un altro passo in avanti importante compiuto lungo il delicato e tortuoso iter che gravita attorno all'area dell'ex pastificio.

Sempre nella stessa seduta, infatti, è avvenuta la presa d'atto da parte del Consiglio comunale della presentazione del nuovo piano urbanistico "Ghigi" che porterà a conclusione il piano di riqualificazione avviato da anni. Gli uffici comunali stanno procedendo ad effettuare le verifiche sulla conformità della documentazione presentata. Dopo di che la il piano sarà ufficialmente pubblicato sul sito internet del Comune e sugli altri canali dedicati al fine di acquisire le eventuali osservazioni da parte dei cittadini.
Al termine del complesso iter il nuovo piano urbanistico e le osservazioni pervenute saranno sottoposte al Consiglio comunale per le determinazioni conclusive.

Approvato infatti il rendiconto della gestione di bilancio dell'esercizio 2020. Gli atti certificano che il comune di Morciano di Romagna ha  assolto tutti gli obblighi normativi previsti, con un risultato di competenza positivo, pari a 486mila euro. Un milione e 240mila euro è la cifra che risulta accantonata sul capitolo fondi di dubbia esigibilità. Ulteriori 150mila euro sono stati accantonati sul fondo contenziosi, mentre il rimborso delle anticipazioni da parte della cassa depositi e prestiti effettuate nel 2013, oggi ancora pari a circa 1 milione di euro, è ridotto del 50% con l'estinzione anticipata del debito deliberata dal Consiglio Comunale il mese scorso. Nel corso del 2020 non sono stati accesi mutui.

“Quello che ci siamo lasciati alle spalle – afferma l'assessore Andrea Agostini – è stato senza dubbio un anno particolare nella nostra storia recente, che avuto riflessi e ricadute dirette anche sul bilancio dell'ente. Il Comune di Morciano, a fronte di una netta riduzione delle entrate derivanti da oneri, imposte e tasse e alla sospensione di alcuni servizi a domanda individuale per via delle limitazioni connesse alla pandemia, ha avuto come principale obiettivo quello di sostenere le famiglie e le imprese duramente colpite dall'emergenza Covid, tutelando soprattutto le categorie e le fasce più deboli, grazie anche agli importanti trasferimenti e ristori messi a disposizione. Nonostante le difficoltà, il 2020 è stato un anno positivo anche sul fronte delle opere pubbliche, con un milione di euro di investimenti”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Morciano trova un punto di equilibrio per l'apertura di via Colombari

RiminiToday è in caricamento