Muore il delfino Mary G, critiche feroci al Parco Oltremare

Era stata salvata nel giugno del 2005, quando ancora cucciolo, si spiaggiò incagliandosi con la mamma nel porto di Ancona. L'evento commosse tutto il Paese

Era stata salvata nel giugno del 2005, quando ancora cucciolo, si spiaggiò incagliandosi con la mamma nel porto di Ancona. L'evento commosse tutto il Paese e il piccolo delfino, riuscito a sopravvivere, fu ribattezzato Mary G. Purtroppo la sua vita non è stata lunga, giovedì, il cetaceo, ospitato dall'agosto 2005, sin ca cucciolo, al Parco Oltremare di Riccione, è morto. Lo riferisce una nota postata sulla pagina Facebook del parco. Ancora non si sanno le cause.

La Direzione di Oltremare comunica che l’esemplare di Grampo, Grampus griseus, spiaggiatosi nel 2005 e riabilitato e ospitato presso il parco Oltremare dall’agosto del 2005 è deceduto in data 31 maggio 2012 – si legge nella nota - l’evento è stato già segnalato alle Autorità competenti. Le cause saranno accertate mediante una necroscopia che verrà effettuata presso la Facoltà di Medicina Veterinaria dell’Università degli Studi di Padova. Il Dr. Alessandro Bortolotto, dottore di ricerca in Medicina degli Animali che ha seguito negli ultimi mesi il grampo Mary G per conto del Parco si occuperà dei successivi approfondimenti che saranno resi noti non appena disponibili”.

Mary G era già stata protagonista di un brutto episodio, quando nel 2007, dopo la morte per accoltellamento della sua istruttrice, Tamara Monti, aveva smesso di mangiare e si era temuto per la sua salute e per la sua vita. In quuell'occasione andò tutto per il meglio.

Il tam tam su Facebook sulle gravi condizioni di Mary G andava avanti da giorni ed il 26 maggio, sempre in un post, il Parco tentava di mettere a tacere le voci, poi rivelatesi vere: “Ecco a voi Mary oggi, 26 maggio 2012, nel Parco. Vogliamo rassicurare tutti gli amici e sostenitori di Oltremare e di Mary a seguito di una serie di informazioni non corrette, che stanno circolando da qualche ora e che provengono da fonti esterne al Parco e agli organi di tutela dell'animale. Venite a trovare Mary e tutti i suoi amici, vi aspettiamo!”.

Molti di coloro che avevano contribuito al salvataggio del delfino, hanno chiesto spiegazioni circa le notizie delle sue condizioni, pare di un'eccessiva magrezza. Tante le proteste di chi sottolineava come l'animale avesse diritto ad una vita in libertà. E tante le accuse al Parco, dopo la notizia della morte. Certamente il caso di Mary G continuerà a fare discutere. Era la star del parco insieme al delfino Ulisse. La sua storia, che tanto aveva commosso, al momento del salvataggio, purtroppo non è andata a buon fine.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ristorante costretto a chiudere, i titolari: "Impossibile pagare spese, non parliamo degli aiuti dello Stato"

  • La bravata durante la lezione on-line costa cara a due studenti minorenni

  • Usava il reddito di cittadinanza per giocare nei casinò on-line e vincere 2 milioni di euro

  • Bubana pronto ad aderire a #ioapro: "O apro il ristorante o chiudo per sempre"

  • Organizzano una festa di compleanno e la pubblicano sui social: arriva la Polizia, multe salate a dieci ragazzi

  • Superenalotto, colpaccio a Rimini: centrato un "5" da decine di migliaia di euro

Torna su
RiminiToday è in caricamento