La tragedia di India Muccioli, autopsia sul corpo della 18enne

L'esame autoptico disposto dalla magistratura per accertare le cause del decesso della ragazzina

La magistratura ha conferito al dottor Mauro Pesaresi l'incarico di effettuare l'autopsia sul corpo di India Muccioli, la nipote 18enne del fondatore della comunità di San Patrignano ritrovata cadavere in un'abitazione della famiglia nel primo pomeriggio di domenica. L'esame autoptico verrà eseguito nella giornata di mercoledì per accertare le cause di una morte improvvisa che ha sconvolto parenti e amici. Dalle prime indagini, effettuate dagli inquirenti della Squadra mobile dopo il rinvenimento del corpo senza vita, si escluderebbe che nell'appartamento ci fossero terze persone e che si possa trattare di una morte violenta. Nel mirino ci sarebbe il monossido di carbonio sprigionato da un braciere, rinvenuto nella casa, che avrebbe saturato l'ambiente portando al decesso della ragazzina. Nelle stanze dell'abitazione di via Isotta degli Atti, nel cuore del centro storico di Rimini, gli investigatori hanno anche ritrovato il diario della 18enne. Sul suo contenuto c'è lo stretto riserbo ma, secondo alcune indiscrezioni, emergerebbero dei problemi adolescenziali che però sarebbero comuni a quell'età ma non è da escludere che abbiano portato la giovane a compiere un gesto estremo. Lunedì mattina, insieme all'avvocato di fiducia Alessandro Catrani, in Questura è stato ascoltato il padre di India, Andrea Muccioli, che è stato il primo a ritrovare il corpo senza vita della figlia.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La ragazzina, che frequentava il liceo Artistico, nella serata di sabato aveva tenuto una festicciola nell'appartamento di proprietà della famiglia dove, però, non viveva nessuno. La 18enne, secondo quanto emerso, era solita ritrovarsi nella casa appartenuta a nonno Vincenzo con gli amici e i fratelli, uno più grande e uno più piccolo. Nella notte si è quindi trattenuta a dormire e, solo nel primo pomeriggio di domenica, il padre Andrea non riuscendo a contattarla al cellulare si era recato nell'appartamento trovando il corpo della figlia disteso su un divano. Nonostante la disperata chiamata al 118 e l'intervento dei sanitari, il medico ha potuto solamente dichiarare il decesso della ragazzina.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, quota 100 contagiati nel Riminese: boom di tamponi

  • Continuano a crescere i nuovi positivi, Rimini tra le province peggiori in regione

  • Nuovo dpcm, è un mini lockdown: ristoranti chiusi alle 18. Stop per cinema, palestre e teatri

  • Coronavirus, contatti diretti e indiretti: cosa fare se sospetto di essere stato contagiato?

  • Coronavirus, in arrivo la nuova stretta. Verso lo stop di palestre e cinema. Per i ristoranti chiusura anticipata

  • Autobus sorpassa gruppo di ciclisti, rovinosa caduta per un corridore amatoriale

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RiminiToday è in caricamento