Musica in lutto, addio al papà del Velvet Thomas Balsamini

Lutto nel mondo della musica. Si è spento infatti Thomas Balsamini, noto dj riminesi che nel 1989 ha fondato il Velvet. Ricorda Andrea Gnassi: "Per la nostra generazione è come perdere la colonna sonora che ha segnato i nostri giorni"

Lutto nel mondo della musica. Si è spento infatti Thomas Balsamini, noto dj riminesi che nel 1989 ha fondato il Velvet. "Prima di tutto era un amico, di quelli di una vita - esordisce il sindaco di Rimini, Andrea Gnassi -.  L’amico con il quale condividi idee, impegno, emozioni, perfino le banalità quotidiane. Poi Thomas era anche il personaggio pubblico. Uno di quei ‘creativi’ che, senza autoproclamarsi tali, nel silenzio e con il lavoro certosino e intelligente, hanno contribuito a far sì che questa città non perdesse la sua sintonia con il mondo".

"Un protagonista della vita culturale della città, ma sempre in maniera elegante, discreta, educata, al di là dei soliti clamori o dei canali di comunicazione - continua Gnassi -. La musica ha segnato tutta l’esistenza di Thomas e sulla musica Thomas ha costruito le sue ‘architetture’ imprenditoriali più folgoranti. Dagli anni Ottanta a oggi, Rimini ha occupato il centro del ring delle tendenze musicali più innovative, di avanguardia e allo stesso tempo underground, grazie all’attività alimentata dall’ingegno di pionieri appassionati come Balsamini. E questo territorio ne ha tratto e continua a trarre benefici, sprovincializzandosi e misurandosi ad armi pari con la globalizzazione culturale. Se la scena musicale internazionale e nazionale ha trovato in Rimini un luogo di riferimento, lo si deve a Thomas".

"Thomas - aggiunge il primo cittadino -. ha imposto uno stile, non esportabile, facendo delle proprie radici riminesi l’asse e la leva sul quale impostare un modello culturale vincente, premiato e valorizzato ancora oggi da generazioni di riminesi attraverso le sue invenzioni, a partire da Slego e Velvet. Ha saputo inoltre trasmettere messaggi positivi in un mondo, come quello della notte, troppe volte demonizzato. Improvvisamente se ne è andato, nel bel mezzo di una vita memorabile perché fatta dando corpo e sostanza ai desideri e ai sogni che ti porti dietro da bambino".

"Per la nostra generazione è come perdere la colonna sonora che ha segnato i nostri giorni, i nostri mesi e i nostri anni. La melodia e il ritmo di questa città che deve tanto a Thomas e che oggi, muta per il dolore, non può neanche accennare alla sua amata ‘redemption song’ - conclude Gnassi -. In questo momento di dolore il mio abbraccio va a Lucia, ai figli Greta ed Edoardo, alla sorella Simona, a Ennio, a tutta la famiglia e ai tanti amici”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ristorante costretto a chiudere, i titolari: "Impossibile pagare spese, non parliamo degli aiuti dello Stato"

  • Verso il nuovo Dpcm: l'Emilia-Romagna rischia di diventare zona rossa

  • Usava il reddito di cittadinanza per giocare nei casinò on-line e vincere 2 milioni di euro

  • La bravata durante la lezione on-line costa cara a due studenti minorenni

  • Bubana pronto ad aderire a #ioapro: "O apro il ristorante o chiudo per sempre"

  • Rissa tra giovanissimi in piazza, Fiori (Lega): "I soliti bambocci che creano problemi"

Torna su
RiminiToday è in caricamento