Alcol e farmaci anti-epilettici, "nessun legame con la morte di Vadim"

La Lega Italiana contro l'Epilessia (LICE) ha precisato che "un'assunzione di alcool unitamente ai comuni farmaci antiepilettici non può determinare la morte di un individuo"

La Lega Italiana contro l’Epilessia (LICE) attraverso una nota ha precisato che "un’assunzione di alcool unitamente ai comuni farmaci antiepilettici in dosi terapeutiche non può determinare la morte di un individuo". La precisazione della LICE è dovuta anche alla motivazione di "non creare turbamento immotivato e pregiudizievole tra le persone che soffrono di epilessia e nell’opinione pubblica", dopo la morte di Vadim Piccione la sera della Notte Rosa nella zona del Marano

“La cura dell’epilessia (malattia neurologica molto comune caratterizzata da eventi improvvisi o crisi epilettiche, colpisce circa 500.000 persone solo in Italia), si basa in tutti i casi sull'impiego di farmaci antiepilettici, che danno luogo ad un controllo completo delle crisi in circa il 70% dei casi, consentendo quindi a molti pazienti di condurre una vita pienamente normale – ha sottolineato il Dottor Roberto Michelucci, Presidente LICE nonché Direttore dell’Unità di Neurologia dell’Ospedale Bellaria di Bologna – I farmaci sono generalmente ben tollerati, possono essere assunti per tutta la vita e non causano affatto la morte, neppure se presi insieme all'alcool, che può eventualmente potenziare solo alcuni degli effetti collaterali dei prodotti antiepilettici. Ben più pericolosa è la sospensione della terapia antiepilettica, che può condurre a situazioni molto gravi di crisi prolungate o continue, condizione nota come stato di male epilettico”
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ristorante costretto a chiudere, i titolari: "Impossibile pagare spese, non parliamo degli aiuti dello Stato"

  • La bravata durante la lezione on-line costa cara a due studenti minorenni

  • Usava il reddito di cittadinanza per giocare nei casinò on-line e vincere 2 milioni di euro

  • Superenalotto, colpaccio a Rimini: centrato un "5" da decine di migliaia di euro

  • Organizzano una festa di compleanno e la pubblicano sui social: arriva la Polizia, multe salate a dieci ragazzi

  • Bubana pronto ad aderire a #ioapro: "O apro il ristorante o chiudo per sempre"

Torna su
RiminiToday è in caricamento