Musica troppo alta? Sfonda la porta del vicino e lo aggredisce con calci e pugni. Arrestato

Notte da incubo, quella tra sabato e domenica, per un 44 enne residente a Poggio Berni. All'1.30 circa, in piena notte, sente al di fuori della sua abitazione della musica ad alto volume. Appena esce per capire cosa stia accadendo e chiedere spiegazioni, sulla soglia della porta, viene aggredito con violenza da un vicino, 32 enne partenopeo

Notte da incubo, quella tra sabato e domenica, per un 44 enne residente a Poggio Berni. All'1.30 circa, in piena notte, sente al di fuori della sua abitazione della musica ad alto volume. Appena esce per capire cosa stia accadendo e chiedere spiegazioni, sulla soglia della porta, viene aggredito con violenza da un vicino, 32 enne partenopeo, lì residente, che, senza proferire una parola, lo colpisce con alcuni schiaffi al volto. Interviene la fidanzata della vittima che si frappone tra i due e riesce a portare in casa il suo uomo, chiudendo a chiave la porta.

A quel punto l’aggressore riprende ad inveire contro il suo vicino, poi lo ingiuria e lo minaccia ed infine decide di riprendere lo scontro fisico. Così con forza, a calci, sfonda la porta dell’abitazione, entra in casa e, in un parapiglia generale, riprende l’alterco con il 44 enne, con insulti e frasi oltraggiose, fino alla minaccia e poi comincia a colpirlo con calci al torace e pugni al volto. La fidanzata riesce a chiamare il 112 e immediatamente due pattuglie, una di Santarcangelo e una del Radiomobile, a sirene spiegate, giungono sul posto e sorprendono l’aggressore sul fatto. Gli operanti, con non poca faticva, riescono a sedare l’aggressore, bloccandolo.

Poi, tranquillizzati gli animi, si fanno raccontare l’accaduto e quando la situazione è acclarata fanno scattare le manette ai polsi del violento napoletano per violazione di domicilio aggravata e lesioni procurate. In particolare il romagnolo riporta una grossa tumefazione al volto, oltre a lividi al torace, e la sua abitazione ha subito seri danni alla porta ed ad alcuni suppellettili. L’aggressore giustificherà la sua condotta criminosa riferendo che voleva vendicarsi di essere stato disturbato dalla musica ad alto volume ascoltata dalla vittima nella mattina. L’arrestato è stato portato presso le camere di sicurezza della Stazione di Rimini Flaminia e lunedì mattina sarà processato per direttissima.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ristorante costretto a chiudere, i titolari: "Impossibile pagare spese, non parliamo degli aiuti dello Stato"

  • La bravata durante la lezione on-line costa cara a due studenti minorenni

  • Usava il reddito di cittadinanza per giocare nei casinò on-line e vincere 2 milioni di euro

  • Bubana pronto ad aderire a #ioapro: "O apro il ristorante o chiudo per sempre"

  • Organizzano una festa di compleanno e la pubblicano sui social: arriva la Polizia, multe salate a dieci ragazzi

  • Superenalotto, colpaccio a Rimini: centrato un "5" da decine di migliaia di euro

Torna su
RiminiToday è in caricamento