menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Un'immagine rendering degli allestimenti natalizi

Un'immagine rendering degli allestimenti natalizi

Rimini porta in scena il Natale con luci scenografiche, la rinascita del teatro Novelli e la nuova Radio Ora

Le farfalle di Tonino Guerra diventano luminarie che accompagnano i suoi versi. A illuminare la città ci saranno anche le canzoni di Vasco Rossi. E All'Arco i maxi angeli

La luce simbolo di speranza e rinascita. Una luce che illumina il buio. Ieri come oggi. A ricordarlo è il sindaco di Rimini Andrea Gnassi durante la presentazione delle iniziative di Luxmas, il progetto ideato per un Natale difficile e complicato, e forse ancora di più in una città che fa dell'accoglienza il suo brand. E Rimini, come sempre, non resta ferma al palo, ma reagisce con coraggio, guardando alle sue radici e al sogno: accende le luci e libera farfalle luminose che si ispirano alla poesia di Tonino Guerra. Ma non solo, la città si avvicina alle feste strizzando l'occhio a tutto il mondo culturale locale. Messo nel cassetto, causa Covid-19, il palinsesto del "Capodanno più lungo del mondo" con i suoi eventi diffusi, ecco allora "Luxmas", le luminarie che, a spese completamente di Palazzo Garampi, illumineranno tutta la città, da Torre Pedrera a Miramare, passando per i borghi e il centro storico, con due installazioni speciali all'Arco d'Augusto e al di Ponte Tiberio sulla piazza dell'acqua. E il progetto culturale Ora, Officina Rimini arte che lancia la nuova Radio Ora, una web tv radio pronta a diffondere nelle vie e nelle case dei riminesi concerti, radiodrammi e trasmissioni. "Ci siamo interrogati molto per capire come affrontare un periodo importante per la comunità" - sottolinea il sindaco Andrea Gnassi - in un anno straordinariamente difficile e particolare. Abbiamo abbandonato per forza il cartellone degli eventi, ma teniamo viva la speranza e questo sarà un Natale per i riminesi", illuminato da luci a forma di farfalle che celebrano i versi di Tonino Guerra e che sono simbolo della "potenza data dalla fragilità", fino ai versi delle canzoni di Vasco Rossi. Le frasi del rocker, che tanto è legato a Rimini, brilleranno in corso d'Augusto, dove si potrà leggere, ad esempio, "L'amicizia è una farfalla che si ferma sulla spalla" e "Se hai bisogno e non mi trovi, cercami in un sogno". All'Arco d'Augusto "la tradizione, le radici", continua il sindaco, il presepe con due angeli luminosi alti sette metri e due stelle.

natale 2020 - luminarie - vasco-2

Parcheggi gratuiti: l'iniziativa per le festività

Poetiche installazioni

E ancora, sulla piazza dell'acqua del ponte Tiberio il progetto "208": un'installazione di boe luminose, realizzata da Gio Tirotto, che rappresentano i 208 Paesi del mondo e la loro resistenza, e dove la luce esplode dentro la lampada. Se gli spazi come musei e teatri non si possono frequentare, continua Gnassi, allora "entreranno nelle case dei riminesi con il webstreaming" e accompagneranno con la radiodiffusione le persone per il centro storico. Il progetto Ora mette a disposizione di 220 tra artisti, tecnici e maestranze della cultura riminese il teatro Novelli per prove e produzione di spettacoli, ma anche come sede della webtvradio tramite la quale diffondere concerti in diretta e un palinsesto registrato, tra teatro, favole al telefono, presentazione di libri, trasmissioni culturali e musicali. "Sarà un Natale per guardarci dentro, per sentire le radici senza rinunciare al sogno - ribadisce il sindaco - sobrio ma non infelice" per poi accelerare: la città "è ferita ma orgogliosa del cambiamento fatto". Un cambiamento che il primo cittadino vuole ricordare: "Abbiamo 16 chilometri di lungomare che nel 2022-2023 saranno foresta ispirata a Gianni Rodari e dune e ci faranno essere dieci anni avanti rispetto ad altre città balneari. In un momento buio come questo, sabato riaccendiamo le luci, perché "s'l'è not, u s' farà dè" (se è notte, si farà giorno).

Come nel dopoguerra, evidenzia l'assessore alla Cultura Giampiero Piscaglia, i riminesi si riunirono al Tempio malatestiano per la Sagra musicale, e in da piazza Tre martiri, dove tra le macerie ancora fumanti si accese la prima radio per approdare poi al mare e diventare Publiphono, così ora la radiodiffusione racconterà i luoghi riminesi della cultura, grazie all'impegno di musicisti, ballerini, teatranti, giornalisti e artisti visivi. Per "un mese di luci e di suoni". 

E le luci si accenderanno sabato, all'imbrunire, intorno alle 17,30, evidenzia il sindaco. "Questo sarà un Natale dedicato ai riminesi, saranno un Natale e un Capodanno diffusi. Ai riminesi, abituati ad accogliere ospiti da tutta Italia per l'ultimo dell'anno questo è una pesante mancanza e non solo per l'aspetto economico, ma soprattutto per le relazioni sociali a cui siamo abituati. Rimini è una città aperta, ma anche in questa situazione è alla riscossa".

ORA - Officina Rimini Arte

E se uno dei settori più colpiti dal covid è proprio il mondo dello spettacolo e della cultura, l'amministrazione risponde con quello che l'assessore Piscaglia ha definito come una sorta di ristoro locale. Sulla scia del progetto della scorsa primavera "E la chiamano Rimini", nasce Ora (Officina arte Rimini), un cuore pulsante dove artisti, cantanti, danzatori, attori potranno creare e ritrovarsi. Un progetto da cui nasce anche Radio Ora, una web tv radio che inizierà a tenere compagnia ai riminesi. Inoltre, proprio con Ora rinasce anche il teatro Novelli, che torna ad essere uno spazio aperto agli artisti. "Ora è una vera e propria factory dei sapori - spiega Massimo Roccaforte, dell'associazione culturale Interno4 e curatore del progetto - e la web tv proseguirà anche oltre le feste natalizie. Avrà base al Novelli e trasmetteremo concerti e non solo, con un ricco palinsesto. L'inaugurazione è in programma l'8 dicembre, alle 17.30, ma già ci saranno anticipazioni durante l'accensione delle luminarie con momenti musicali amplificati da piazza Te Martiri al Ponte di Tiberio. Tra gli artisti coinvolti ci sono i Rangze, Sergio Casabianca, Filippo Malatesta, l'attrice Tamara Balducci, la performer Nicoletta Magalotti, l'autore Pierfrancesco pacoda e tanti altri. Non macherà la scena hip hop della città con i writer e rapper e ci sarà un omaggio al Velvet, alla scena rock e alla musica dance, a quella club culture che da Rimini si è fatta conoscere in tutto il mondo. Saranno coinvolte 220 persone e cercheremo di dare spazio a tutti, un numero importante di artisti che potranno portare avanti la loro arte, creare e condividere. A Rimini la cultura va avanti e non si ferma".


 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RiminiToday è in caricamento