Martedì, 21 Settembre 2021
Cronaca

Naufragio di Rimini, ritrovati i corpi senza vita dei tre dispersi in mare

E' di quattro decessi il drammatico bilancio della tragedia che si è consumata nel pomeriggio di martedì

Sono stati ritrovati nella notte tra martedì e mercoledì i corpi senza vita dei tre naufraghi dispersi in mare dopo che la loro barca a vela, il "Dipiù", si è schiantata contro gli scogli della diga foranea del porto di Rimini (LEGGI LA NOTIZIA). Sale così a quattro il bilancio del drammatico naufragio che, per tutta la notte, ha visto i soccorritori cercare disperatamente i superstiti. Dei tre cadaveri recuperati nella notte, due sono stati ritrovati tra gli scogli del porto mentre, il terzo, sulla battigia del Bagno 44 all'altezza di piazzale Marvelli. A perdere la vita sono stati il cardiologo veronese Alessandro Fabbri, la figlia Alessia, notaio nel capoluogo scaligero e un ingegnere di cui al momento si conosce solo il nome, Ernesto. Miracolosamente vivi e ricoverati all’Infermi, Luca Nicolis fidanzato di Alessia, e un collega di Alessandro Fabbri, otorinolaringoiatra sempre a Verona.

Dalle prime ricostruzioni è emerso che la barca a vela è registrata a Monfalcone ed era di stanza a Marina di Ravenna da dove sarebbe partita, nella giornata di martedì, alla volta di Trapani per un trasferimento. A bordo erano presenti 6 persone, tra cui l'armatore, tutti di Verona, sorpresi dall'improvviso maltempo in mare. Non riuscendo ad affrontare la burrasca, avevano chiesto riparo nella Marina di Rimini via radio e, a motore, hanno tentato l'ingresso nel porto ma le ondate li hanno portati ad andare contro gli scogli della diga foranea.

GUARDA IL VIDEO DEI SOCCORSI

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Naufragio di Rimini, ritrovati i corpi senza vita dei tre dispersi in mare

RiminiToday è in caricamento