menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Neve record, oltre 400 sfollati in Romagna

Oltre 400 tra Valmarecchia e Forlivese, ospitati in strutture appositamente allestite e spazi ricettivi individuati dalle amministrazioni comunali. Valmarecchia, Valconca e appenino forlivese-cesenate le zone più colpite

Nevica senza sosta da venerdì pomeriggio sull'appennino romagnolo, con disagi e conseguenze mai viste prima. Oltre 400 tra Valmarecchia e Forlivese, ospitati in strutture appositamente allestite e spazi ricettivi individuati dalle amministrazioni comunali: è raddoppiato il numero dei cittadini evacuati, tra venerdì 10 e sabato 11 febbraio, a causa delle eccezionali precipitazioni nevose e dell’ulteriore abbassamento delle temperature.

Precipitazioni nevose eccezionalmente abbondanti sono state registrate nelle ultime ore in Romagna. Nel riminese, soprattutto in Valmarecchia e Valconca, si sono raggiunti valori intorno ai 70-120 centimetri; nella fascia pedemontana del forlivese rilevati valori intorno agli 80-120 centimetri, in particolare nei Comuni di Santa Sofia, Bagno di Romagna, Sarsina, San Piero in Bagno.

Forti raffiche di vento (con valori in certi casi superiori ai 75 km/h) hanno causato tormente, così come previsto dall’ultima allerta regionale della Protezione civile, determinando un quadro generale di criticità diffuse. La perturbazione ha raggiunto anche le province di Ferrara, Ravenna e Bologna, dove la neve ha toccato valori intorno ai 20-35 centimetri, e l’Appennino modenese, bolognese e reggiano con abbondanti precipitazioni.

PROTEZIONE CIVILE AL LAVORO - Il sistema regionale di Protezione civile – al lavoro da oltre 200 ore per far fronte all’emergenza maltempo – ha messo in campo ulteriori uomini e mezzi di fronte all’aggravarsi della situazione: 550 vigili del fuoco dell’Emilia-Romagna, affiancati da 130 vigili del fuoco del Trentino, 25 vigili del fuoco da Bolzano e 10 operatori di protezione civile dalla Valle d’Aosta – coordinati da Giovanni Nanni, direttore regionale dei vigili del fuoco dell’Emilia-Romagna – hanno fatto fronte alle innumerevoli richieste di intervento di sindaci e cittadini.

COORDINAMENTO REGIONALE - Con il coordinamento dell’Agenzia regionale di Protezione civile, svolto insieme a prefetture, amministrazioni provinciali e comunali, gli oltre 400 volontari di protezione civile emiliano-romagnoli hanno lavorato fianco a fianco agli operatori degli enti locali, del Corpo forestale dello Stato, forze dell’ordine, Aziende sanitarie locali e operatori del 118.
Alle macchine operatrici comunali solitamente impiegate nel piano neve sono state aggiunte 12 turbine speciali fornite dalle Province Autonome di Trento e Bolzano, 20 pale gommate di grandi dimensioni messe a disposizione dall’Agenzia regionale di Protezione civile, d’intesa con il Dipartimento nazionale della Protezione civile, 6 pale gommate dell’Esercito e altri mezzi speciali dei vigili del fuoco, Corpo forestale dello Stato e volontariato di protezione civile. Di grande efficacia l’intervento di 8 mezzi del tipo “gatto delle nevi”, inviati dalle Province Autonome di Trento e Bolzano, due mezzi dalla Val D’Aosta, e 6 motoslitte fornite dai vigili del fuoco e Corpo forestale dello Stato.

RISCHIO TETTI - E’ stata prestata grande attenzione al pericolo di crollo dei tetti a causa della neve, soprattutto per scuole, edifici pubblici, strutture socio sanitarie: in accordo con prefetture e amministrazioni locali, sono intervenuti per gli opportuni controlli i vigili del fuoco dell’Emilia-Romagna, del Trentino, supportati da ingegneri strutturisti del Servizio tecnico di bacino fiumi romagnoli. Un lavoro reso possibile grazie a strutture speciali come piattaforme messe a disposizione dal Trentino, vigili del fuoco e al supporto di squadre degli alpini da Emilia-Romagna, Lombardia e Veneto. In Romagna, nelle aree più colpite dal maltempo si sono comunque verificati  numerosi crolli di capannoni industriali e coperture di allevamenti, senza tuttavia danni alle persone.

DIVIETI - Resta in vigore in tutta la regione il divieto di circolazione dei veicoli commerciali con massa superiore a 7,5 tonnellate su autostrade e strade provinciali.
L’Agenzia regionale di Protezione civile continua a monitorare l’evoluzione della situazione in stretto raccordo con il Dipartimento nazionale di Protezione civile e tutti gli enti gestori di servizi pubblici essenziali come Enel, Hera, Ferrovie dello Stato, Anas.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RiminiToday è in caricamento