menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Neve, sfogo del sindaco di Casteldeci: "Snobbati dal servizio pubblico"

Duro sfogo del sindaco di Casteldelci e presidente della Comunità montana Alta Valmarecchia, Mario Fontini, contro il servizio pubblico. "Siamo abbandonati da tutti".

Duro sfogo del sindaco di Casteldelci e presidente della Comunità montana Alta Valmarecchia, Mario Fontini, contro il servizio pubblico. “E' una cosa sgradevole constatare come ogni giorno le testate di Rai Uno, Rai Due, Rai tre e regionale Emilia Romagna, raccontino anche le più piccole sciocchezze che avvengono in Alta Valmarecchia: hanno fatto vedere mille volte il triste forte di San Leo immerso nella neve, hanno parlato e mostrato ogni angolo di Pennabilli suore comprese".

"Sant'Agata con i suoi tetti pieni, Novafeltria con tutte le situazioni di emergenza - proseuge il sindaco -, compresi i posti letto dati agli extracomunitari, ma non una parola, non una ripresa del lavoro encomiabile, umile, silente di decine e decine di giovani volontari della Protezione Civile di Casteldelci il comune più alto, circa 900 metri di media sul livello del mare, con 50 chilometri quadrati di superficie, con 90 chilometri di strade comunali, con decine e decine di centri minori e nuclei sparsi nelle campagne..... ebbene non una parola, abbiamo quasi tre metri e mezzo e non abbiamo mai disturbato le squadre dell' unità di crisi, facciamo tutto da soli con il volontariato e decine e decine di spalatori che dissanguano il misero bilancio comunale,... ma questo non fa notizia”.

“Siamo abbandonati da tutti – continua il primo cittadino -, ma non chiediamo nulla, almeno un po di soddisfazione, non dico dalle emittenti commerciali, è normale devono fare cassa, ma almeno dal servizio pubblico. Non siamo anche noi cittadini italiani per la Rai? Non paghiamo anche noi il canone o lo pagano solo i comuni che sono al livello del mare?”.

“Pensare che Rai Uno ha inviato una vera e propria troup – aggiunge Fontini -. Ebbene se non viene scortata da polizia e carabinieri danneggiando i soccorsi, non muove un passo verso il territorio, non sa nemmeno come si chiamano alcuni nostri comuni, è una vergogna ignorare così i cittadini e discriminarli anche nelle disgrazie. Noi sopravvivremo anche se dei nostri giovani volontari non ne parla nessuno, ma state tranquilli che la poca fiducia che la gente ha nel sevizio pubblico della Rai sarà così sempre più limitato fino a ridursi al nulla…come voi avete lasciato i nostri territori!! Casteldelci esiste nonostante la vostra ignoranza e continuerà a vivere, ma sicuramente non grazie al vostro aiuto anche se solo morale, nemmeno quello!! Grazie per il non servizio”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RiminiToday è in caricamento