"No alla strage di alberi nei parchi, cambiamo il progetto del PSBO"

Associazioni e residenti si mobilitano contro il taglio certo di 74 alberature e quello possibile di altre 57

"No alla strage di alberi nei parchi, cambiamo il progetto del PSBO". E’ l’allarme, e l’appello al Sindaco, lanciati dalle Associazioni ambientaliste ed animaliste: Ambiente & Salute, Animal Freedom, ANPANA Rimini e dnA Rimini, Fondazione Cetacea, Italia Nostra Rimini, Legambiente Valmarecchia, L’Umana Dimora, Pedalando  e camminando e WWF Rimini, e da un gruppo di cittadini del Borgo S. Giovanni. "Nei parchi Cervi, Bondi e Fabbri - spiegano le associazioni - l’autunno porterà infatti nei prossimi mesi  una vera e propria strage di alberi. Il progetto del collettore Dorsale Sud 3° Stralcio del PSBO, o Piano di salvaguardia della balneazione, prevede infatti il taglio certo di 74 alberature e quello possibile di altre 57. E si tratta di alberi adulti, molti di grandi dimensioni e di pregio, che hanno un importante valore ambientale e paesaggistico, ma anche culturale ed estetico. E’ una vera e propria mattanza nel patrimonio verde della città! Ora basta!  Il capitale naturale svolge funzioni cruciali per migliorare la qualità della vita e tutelare la salute ed il benessere dei cittadini,  è uno scrigno di biodiversità, ed ha perciò un costo e un suo valore, che non può essere sperperato. Il verde in città, specie a fronte dei problemi del cambiamento climatico e della qualità dell’aria, dovrebbe essere incrementato e curato in ogni modo, non sacrificato come cosa usa e getta ad ogni intervento pubblico e privato".

"Verranno ripiantati novanta alberi, come si legge nella Relazione agronomica di Hera? Si, però prima che gli alberelli di domani sviluppino le stesse dimensioni, massa arborea e capacità di incidere in positivo su qualità dell’aria, clima e paesaggio dovranno passare almeno 30/40 anni, e questo è un danno indiscutibile per tutta la città, e anche per il suo appeal turistico, non solo per le centinaia di persone che ogni giorno fruiscono di queste aree verdi. Le Associazioni ambientaliste ed animaliste, assieme a gruppi di cittadini del Borgo S. Giovanni, lanciano perciò un Appello al Sindaco. “Il PSBO è molto importante per la città, e non è in discussione, ma lo sono  anche gli alberi dei parchi, per la salute e il benessere dei cittadini. Sono il nostro patrimonio verde, la nostra piccola Amazzonia…Cambiamo in meglio il progetto, Sig. Sindaco, salviamo gli alberi! Una soluzione migliore si può e si deve trovare. Una lettera con questa richiesta è stata inviata oggi al Sindaco. E nei prossimi giorni partirà anche una raccolta di firme, con l’invito a firmare a tutti i cittadini interessati al verde in città ed alla difesa della salute".
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Riapre un supermercato storico della Riviera: 78 lavoratori e un investimento di 4 milioni

  • Cachi: il frutto che aiuta a combattere la stanchezza

  • Terremoto in mare, epicentro individuato davanti alla costa riminese

  • Ristorante accusato di razzismo, non ci furono saluti fascisti

  • Il mondo della notte piange la scomparsa di Giancarlo Montebelli

  • Nuova ordinanza regionale, si allarga la rete dei negozi aperti nei festivi. Restrizioni fino al 27 novembre

Torna su
RiminiToday è in caricamento