Nomade recidivo arrestato dai carabinieri di Riccione e portato in carcere

Nonostante gli fossero imposte delle limitazioni alla libertà, l'uomo è stato sorpreso più volte a ignorarle

Nella mattinata di giovedì i carabinieri della Compagnia di Riccione, che hanno già inaugurato il presidio di viale Ceccarini in vista delle festività pasquali, hanno arrestato un nomade 53enne già noto alle forze dell'ordine. L'uomo, di etnia rom, era sottoposto ad alcune blande limitazioni della libertà personale per una serie di reati contro il patrimonio e contro la persona ma, i militari dell'Arma, lo hanno pizzicato varie volte ignorare le prescrizioni. Informata l'autorità giudiziaria, nei confronti del 53enne è stato quindi emesso un aggravamento del provvedimento e, dopo essere stato individuato e portato in caserma, per il nomade è scattato il trasferimento nel carcere dei "Casetti".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Riapre un supermercato storico della Riviera: 78 lavoratori e un investimento di 4 milioni

  • Cachi: il frutto che aiuta a combattere la stanchezza

  • Terremoto in mare, epicentro individuato davanti alla costa riminese

  • Ristorante accusato di razzismo, non ci furono saluti fascisti

  • Il mondo della notte piange la scomparsa di Giancarlo Montebelli

  • Scacco allo spaccio, sequestrati oltre 21 chili di stupefacente

Torna su
RiminiToday è in caricamento