Nomadi, il Comune mette case e terreni "Ma dovranno pagare affitto e utenze"

La maggioranza ha individuato le cinque vie destinate a ospitare i nuclei Sinti con una spesa da oltre 400mila euro

Il vertice di maggioranza del Comune di Rimini ha stabilito, nella riunione di mercoledì, le linee guida per lo spostamento del campo nomadi di via Islanda. Le vie riminesi individuate per il trasferimento delle famiglie sono via Cupa a Corpolò (due famiglie), via Feleto sulla via di Coriano (due famiglie), via Montepulciano a Gaiofana (due famiglie), via Lontra alla Grotta Rossa. A Viserba si andrà in via Orsoleto o in via Tombari, più probabile. L’urbanizzazione di ogni microarea costa 20mila euro circa, per un totale che si avvicina ai 100mila euro, più il costo delle singole casette, che ricade sulle casse di palazzo Garampi, per altri 260mila euro totali. Secondo quanto emerso, queste spese saranno a carico del Comune di Rimini il quale, però, chiederà un canone di affitto in linea con quello delle case popolari ai nomadi che occuperanno le strutture. Agli inquilini, inoltre, verranno chiesti i soldi per le utenze.

LA LEGA NORD - “La drammatica roulette dei quartieri ha pescato i suoi vincitori. Fuori quelli più ostinati e attivi nella protesta (Villaggio primo maggio, Via Orsoleto, e Torre Pedrera), a riprova che il tandem comitati/Lega Nord ha prodotto gli effetti sperati, dentro la Gaiofana del capogruppo di Patto Civico Erbetta che ad agosto 2016 aveva dichiaro guerra al progetto della Giunta Gnassi e che invece, a un anno di distanza, ne ha ‘vinte’ 2 di famiglie (4 se contiamo anche quelle di via Feleto). Dentro anche Viserba e Corpolò e soprattutto la Grotta Rossa, che quest’inverno aveva abbandonato la protesta dopo aver ricevuto rassicurazioni da Palazzo Garampi e che ora, per buona misura, si beccherà la sua quota di sinti.” Il consigliere comunale della Lega Nord, Matteo Zoccarato, sintetizza così il piano approvato dalla maggioranza riminese per il trasferimento delle famiglie nomadi del campo di via Islanda nei prefabbricati di legno parcellizzati in diverse aree comunali: “300 mila euro che pagheremo tutti, a prescindere dal quartiere di residenza! Con l’auspicio, negli intenti fiabeschi di questa Amministrazione, di risolvere la questione e incassare da questa gente, nota al pubblico per gli allacciamenti abusivi alla rete idrica ed elettrica, i furti e la morosità dei canoni di occupazione del suolo pubblico, utenze e un affitto mensile. Ci sarebbe da ridere se non fosse che a prevalere è la disperazione – conclude Zoccarato. – Gnassi e la Lisi stanno scialacquando soldi pubblici per un’operazione già fallita. E pensare che le priorità, per il nostro Comune, sarebbero ben altre”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Riapre un supermercato storico della Riviera: 78 lavoratori e un investimento di 4 milioni

  • Cachi: il frutto che aiuta a combattere la stanchezza

  • Terremoto in mare, epicentro individuato davanti alla costa riminese

  • "Armato di pistola in piazza Ferrari", Pecci lancia l'allarme sulla sicurezza

  • Nuova ordinanza regionale, si allarga la rete dei negozi aperti nei festivi. Restrizioni fino al 27 novembre

  • Disse "mare di merda" sui social, arriva il decreto di condanna per diffamazione nei confronti di Rimini

Torna su
RiminiToday è in caricamento