Non vuole lasciare l'Italia: tunisino scatena finimondo e dà testata a carabiniere

Il malcapitato carabiniere ha riportato ferita lacerocontusa all’arcata sopraccigliare. I medici lo hanno giudicato guaribile in venti giorni. Il tunisino, 27enne già noto alle forze dell'ordine, una volta calmato, è stato arrestato

Nuovi controlli nelle colonie abbandonate di Riccione. Gli uomini dell'Arma hanno fermato due tunisini in attesa di esser espulsi dall'Italia. Portati in caserma, uno dei due tunisini - senza alcun motivo - ha iniziato ad agitarsi prendendo a calci i muri e inveendo contro tutto e tutti non appena intuiva che venerdì sarebbe stato accompagnato presso il CIE di Bari per poi essere espulso dal territorio nazionale. I militari hanno tentato di calmarlo ma l'uomo si è scagliato contro uno di questi, sferrandogli una violenta testata al volto.

Il malcapitato carabiniere ha riportato ferita lacerocontusa all’arcata sopraccigliare. I medici lo hanno giudicato guaribile in venti giorni. Il tunisino, 27enne già noto alle forze dell'ordine, una volta calmato, è stato arrestato per resistenza e lesioni a pubblico ufficiale e messo a disposizione dell’autorità giudiziaria per il rito direttissimo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ristorante costretto a chiudere, i titolari: "Impossibile pagare spese, non parliamo degli aiuti dello Stato"

  • Muore folgorato mentre scolpisce il legno nella sua abitazione

  • Verso il nuovo Dpcm: l'Emilia-Romagna rischia di diventare zona rossa

  • Risponde a un annuncio di lavoro e finisce nella rete di un maniaco sessuale

  • Il sindaco Parma lancia l'allarme: "Seconda ondata Covid sta colpendo duramente Santarcangelo"

  • Usava il reddito di cittadinanza per giocare nei casinò on-line e vincere 2 milioni di euro

Torna su
RiminiToday è in caricamento