Notte brava con trans e cocaina, pizzaiolo rapinato dopo il festino

A dare l'allarme i genitori della vittima che hanno chiamato i carabinieri non avendo più notizie del figlio

A dare l'allarme sono stati i genitori di un pizzaiolo 40enne che, preoccupati dalla prolungata mancanza di notizie del figlio, hanno chiesto aiuto ai carabinieri di Riccione temendo gli potesse essere capitato qualcosa di grave. I militari dell'Arma hanno inziato le ricerche che si sono concluse in un hotel di Miramare dove, l'uomo, aveva trascorso la notte in un festino a base di trans e cocaina finendo poi per essere rapinato. I carabinieri, grazie al tracciamento gps dell'auto del 40enne sono arrivati, nella mattinata di sabato scorso, nella struttura ricettiva e dopo una breve ricerca sono incappati in due cittadini albanesi. Gli stranieri hanno dapprima fornito delle scuse poco plausibili sulla loro disponibilità del veicolo e, ulteriori accertamenti, hanno permesso di trovare il 40enne in un'altra camera dell'albergo. Ancora provato, il pizzaiolo ha spiegato di essere stato costretto dagli albanesi ad effettuare un prelievo al bancomat da 600 euro e, dopo essersi impossessati di oltre 500 euro, gli avrebbero sequestrato anche l'auto e il cellulare. A confermare la vicenda ci sarebbe anche il trans, originario dell'est Europa, che ha trascorso la notte col 40enne il quale avrebbe aggiunto che, insieme alla vittima, erano arrivati nell'hotel di Miramare salendo poi nella stanza degli albanesi. Qui avrebbero consumato cocaina tutta la notte per poi, la mattina, pretendere il denaro dal pizzaiolo. Al momento uno dei due stranieri è in stato di fermo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, a Rimini il primo caso di contagio in Romagna

  • Il ristoratore ha ‘esportato’ il virus in Romania, malato un 20enne dipendente del suo locale

  • Coronavirus a Rimini, il malato un cacciatore cattolichino rientrato da una battuta in est Europa

  • Coronavirus, la Regione annuncia due nuovi casi a Rimini. In 40 in isolamento volontario

  • Positivo al Coronavirus, scatta la quarantena per chi è venuto a contatto col cattolichino

  • L'ordinanza: chiuso il ristorante dell'uomo colpito dal Coronavirus e tutti i luoghi di aggregazione

Torna su
RiminiToday è in caricamento