menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Notte Rosa a Riccione, tra spaccio di droga e furti: 6 arresti. Una denuncia per atti osceni

La situazione dell’ordine e sicurezza pubblica non ha subìto turbative nonostante l’afflusso di migliaia di giovani in cerca dello sballo del sabato sera con strade, autobus e treni pieni di ragazzi e ragazze

Gran lavoro di prevenzione ed ausilio per i Carabinieri della Compagnia di Riccione ma, durante la prima nottata dei due giorni in rosa, la situazione dell’ordine e sicurezza pubblica non ha subìto turbative nonostante l’afflusso di migliaia di giovani in cerca dello sballo del sabato sera con strade, autobus e treni pieni di ragazzi e ragazze, di cui alcuni già ubriachi ancor prima di giungere in Riviera. Infatti, cittadini e turisti sono riusciti a godersi in tutta tranquillità l’atteso evento senza doverselo rovinare per problemi attinenti alla sicurezza.

Difatti, anche la località Marano di Riccione, zona molto frequentata da giovani, che solitamente comporta complicazioni per eventuali risse e/o situazioni che rovinano il clima festoso, turbando l’ordine e la sicurezza pubblica, ha riposto positivamente ai costanti presidi dell’Arma che si sono limitati alla prevenzione non dovendo intervenire per reprimere alcun episodio di violenza. Anche la spiaggia è stata ben presidiata senza aver rilevato tangibili situazioni di pericolo per i presenti. Numerose le pattuglie di carabinieri disposte in tutto il territorio della Compagnia, sia in borghese che in uniforme.

Particolarmente utile ed apprezzata è stata la Stazione Mobile impiegata in piazzale Roma e Neruda dove ha potuto garantire ai turisti in festa assistenza e vicinanza. Nel corso delle attività di controllo e verifica sono stati identificate oltre 1000 persone. I Carabinieri hanno dovuto far fronte ad innumerevoli richieste di interventi e consigli al “112” e a seguito di un predisposto piano straordinario, mettendo in campo tutta la forza disponibile con pattuglie sia in uniforme che in abiti simulati con massima concentrazione di uomini e mezzi nella fascia oraria notturna fino all’alba di domenica. Solo le richieste di intervento finite poi con accessi al pronto soccorso per abuso di alcool sono state 12, con giovani e giovanissimi fortunatamente dimessi dopo le prime cure del caso. Un foggiano di 31 anni è stato arrestato per rapina impropria poichè deve scontare un anno, 8 mesi e 11 giorni di reclusione. Lo scorso 15 agosto al Marano aveva rapinato una coppia.

5 ARRESTI PER SPACCIO - I Carabinieri, in servizio coordinato nel salotto di Riccione, hanno notato un gruppo ragazzi che fermavano e poi si appartavano con altri giovani. Osservando a distanza i loro i movimenti, i militari hanno notato che due di loro si passavano un involucro dopo averlo estratto dalle parti intime. I militari in borghese hanno deciso di controllare i giovani trovandoli in possesso di circa 50 grammi di hashish già suddivise in dosi pronte per lo spaccio che avevano nascosto nelle loro parti intime. A poca distanza da questi vi era un altro giovane sempre appartenente a questo gruppetto fermato dai militari in borghese. Il ragazzo non consapevole di aver davanti a se dei carabinieri ha chiesto se erano interessati al "fumo". Perquisito aveva una decina di stecche di hashish per un complessivo di circa 10 grammi già pronte per lo spaccio.  In una discoteca della collina è finito in manette un 22enne albanese, trovato con otto dosi di ketamina.

FURTO AGGRAVATO - Un 24enne tunisino residente a Imola, già noto alle forze dell'ordine, è stato arrestato per esser stato trovato con tre telefonini rubati ad un giovane turista. Infine, allo scopo di eludere il controllo, ha fornito ai militari false generalità che sono state poi smascherate grazie alle impronte digitale che davano come esito quelle reali.

ATTI OSCENI - Durante la medesima serata è stato denunciato a piede libero per atti osceni e oltraggio a pubblico ufficiale un 20enne pesarese che, in evidente stato di ubriachezza alcolica, ha iniziato ad urinare in piazzale Azzarita per poi rimanere nudo davanti ai passanti. Fermato ed invitato a rivestirsi, lo stesso ha reagito insultando i militari che si sono visti costretti a portarlo in caserma per gli accertamenti del caso. Il giovane veniva deferito per atti osceni ed oltraggio a pubblico ufficiale.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Benessere

I 5 DPI più efficaci per contrastare il Covid-19

Attualità

Famija Arciunesa premia i vincitori del concorso "Vota il presepe"

Attualità

"Fellini Calls", successo per la tre giorni dedicata al regista premio Oscar

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RiminiToday è in caricamento