menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Nubifragio a Rimini, a mezzanotte termina il divieto di balneazione

Terminerà a mezzanotte di martedì, per 9 sfioratori su 11 (gli sfioratori dell'Ausa e di fossa Brancona a Torre Pedrera alle ore 12 sono ancora in funzione), il divieto temporaneo di balneazione di 18 ore entrato in vigore alla chiusura degli sfioratori a causa del nubifragio

Terminerà a mezzanotte di martedì, per 9 sfioratori su 11 (gli sfioratori dell’Ausa e di fossa Brancona a Torre Pedrera alle ore 12 sono ancora in funzione), il divieto temporaneo di balneazione di 18 ore entrato in vigore alla chiusura degli sfioratori a causa del nubifragio che si è abbattuto sulla città nel pomeriggio di lunedì. A differenza degli anni passati, con il Piano per le misure di gestione dei divieti di balneazione temporanei la messa in azione di uomini e mezzi è stata programmata già al verificarsi dell’evento e non, come avveniva prima, dopo la sua conclusione.

Già nella notte, quindi, erano entrati in funzione operativamente cinque pale meccaniche e tre camion – una ventina gli uomini impiegati - per un primo intervento di ripristino del profilo della spiaggia in coincidenza sfioratori con la contestuale messa in sicurezza area di lavorazione.

Un primo intervento a cui, dalla prima mattinata, ha fatto seguito, rafforzato con ulteriori due camion, quello da parte delle squadre del Comune di Rimini coordinate da Hera per un ulteriore intervento di riprofilatura arenile, asportazione di eventuali ulteriori materiali, ripristino del profilo naturale con sabbia pulita della battigia antistante ciascuna fossa consortile. Un lavoro per ripristinare le condizioni della battigia ottimali per la fruibilità stessa dell’area interessata che ha visto impegnati, accanto agli uomini e mezzi del Comune, i titolari degli stabilimenti balneari interessati.

Come previsto dal Piano di gestione delle misure da adottare in caso di divieto temporaneo della balneazione, già dalla prima mattina dieci tra agenti di Polizia municipale e volontari della protezione civile hanno provveduto all’apposizione dei cartelli di divieto temporaneo della balneazione. Sono totalmente 155 i cartelli riportanti in 5 lingue il divieto di balneazione posizionati in prossimità delle fosse e sulla battigia a distanza, l’un l’altro, di 100 metri. Issata anche la bandiera di segnalazione bianca e rossa indicante il divieto sulle aste o pennoni degli stabilimenti.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Sicurezza

Odore di fumo in casa, 5 trucchi per eliminarlo

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RiminiToday è in caricamento