Nuova flotta di treni per i pendolari della Romagna

Una dotazione di 86 nuovi frutto di un investimento complessivo di 750 milioni di euro da parte della Regione

Oggi a Bologna, alla Stazione centrale, i viaggiatori e i cittadini potranno salire a bordo dei nuovi treni Pop e Rock presto in circolazione in tutta l’Emilia-Romagna. Si tratta di una dotazione di 86 nuovi convogli frutto della gara del ferro che, con un investimento complessivo di 750 milioni di euro da parte della Regione, potranno rendere ancora più competitiva la scelta di una mobilità sostenibile, in grado di offrire una alternativa concreta all’utilizzo di auto e veicoli privati.

“Da inizio mandato- afferma il presidente della Regione, Stefano Bonaccini- abbiamo creduto fortemente nella necessità di aggiudicare la gara del ferro per l’affidamento del servizio di trasporto pubblico regionale.  Una scelta che ci permetterà nei prossimi mesi di rinnovare la quasi totalità del materiale rotabile, a vantaggio in primo luogo degli utenti e dei pendolari, soprattutto lavoratori e studenti. Un piano da 750 milioni di euro nell’ambito dell’investimento complessivo di 2 miliardi attuato in questi due anni a favore della mobilità su ferro. Un impegno costante- prosegue- che intendiamo rafforzare, unitamente al potenziamento del trasporto pubblico locale, sulla scia di misure come l’integrazione tariffaria, che ci ha portato a stanziare 6 milioni di euro l’anno per permettere di far viaggiare gratis sugli autobus in tutte le principali città dell’Emilia-Romagna gli abbonati al servizio ferroviario regionale, con un risparmio fino a 180 euro l’anno per 60 mila pendolari”.

“Con l’arrivo degli 86 nuovi treni- spiega l’assessore regionale a Trasporti e Infrastrutture, Raffaele Donini, il trasporto pubblico dell’Emilia-Romagna cambia volto. Grazie al nuovo materiale rotabile siamo certi che andremo a risolvere gran parte dei problemi del nostro trasporto ferroviario dovuto alla vetustà dei mezzi. Quest’anno- chiude l’assessore- saremo la prima regione ad avere tutti i treni nuovi sulle nostre ferrovie per poter offrire ai cittadini un trasporto pubblico sempre più efficiente e competitivo, ai livelli delle migliori realtà in Europa”.

Rock è il nuovo treno regionale a doppio piano e alta capacità di trasporto. Un treno per i pendolari a 4, 5 o 6 casse con prestazioni paragonabili a quelle di una metropolitana. Può raggiungere i 160 km/h di velocità massima con un’accelerazione di 1,10 m/sec2 e ospitare circa 1.400 persone, con oltre 700 sedute nella composizione più lunga. Pop è il nuovo treno a mono piano e media capacità di trasporto, a 3 o 4 casse, con 4 motori di trazione. Viaggerà a una velocità massima di 160 km/h, avrà un’accelerazione maggiore di 1 m/sec2 e trasporterà circa 530 persone, con oltre 300 posti a sedere nella versione a 4 casse, e circa 400, con 200 sedute, in quella a 3 casse. I nuovi treni regionali Rock e Pop sono riciclabili per il 96% con una riduzione del 30% dei consumi energetici. Insieme a una sempre maggiore affidabilità (telediagnostica di serie) ed elevati standard di sicurezza (telecamere e monitor di bordo con riprese live). /BB

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Rimini usa la nostra Partner App gratuita !

Potrebbe interessarti

  • I 10 top ristoranti dove mangiare sano più 3 ristoranti esclusivamente Bio

  • Pulire i vetri: addio agli aloni su finestre e specchi

  • "Il parchetto di Miramare tra sbandati che bivaccano ed escrementi umani ovunque"

  • Lavare le mani: i 7 momenti in cui è fondamentale per evitare infezioni batteriche

I più letti della settimana

  • Fulmine centra azienda agricola, vasto incendio nel deposito delle rotoballe

  • Investimento mortale sulla linea ferroviaria, stop ai treni sulla linea adriatica

  • Doppia scossa di terremoto fa tremare la provincia

  • Lui, lei e l'altro, il triangolo amoroso finisce con pugni e schiaffi nel parco

  • Il Sole 24 ore incorona Rimini come capitale dell’italian lifestyle

  • Perde il controllo e si schianta contro un albero, centauro deceduto sul colpo

Torna su
RiminiToday è in caricamento