Nuove severe misure per arginare l'abusivismo commerciale

E’ stato infatti siglato venerdì mattina in Prefettura il Protocollo d’intesa tra Prefettura di Rimini, Provincia, Comuni di Rimini, Bellaria, Cattolica, Misano, Riccione e le associazioni di categoria

Passo in avanti nelle azioni di contrasto all’abusivismo commerciale. E’ stato infatti siglato venerdì mattina in Prefettura il Protocollo d’intesa tra Prefettura di Rimini, Provincia, Comuni di Rimini, Bellaria, Cattolica, Misano, Riccione e le associazioni di categoria di Confesercenti, Confartigianato, Cna, Legacoop, Confcooperative, Associazione italiana albergatori.

Un Protocollo che, partendo dall’analisi e dalle caratteristiche con cui l’abusivismo commerciale si manifesta sulla Riviera riminese, definisce le azioni per dare un ulteriore impulso alle attività di prevenzione e repressione del fenomeno con il coinvolgimento delle associazioni di categoria che rappresentano il tessuto economico riminese come i gestori degli stabilimenti balneari, del commercio, dei pubblici esercizi, dell’artigianato e delle strutture ricettive.

"L’azione di contrasto all’abusivismo commerciale fa un salto di qualità. All’azione di prevenzione e contrasto diretto dell’intera filiera del commercio abusivo delle Forze dell’Ordine, si affianca quella del coinvolgimento diretto dell’intero tessuto economico legato al turismo – ha detto l’assessore alla Sicurezza Jamil Sadegholvaad -. Un salto di qualità perché diventa concreta la consapevolezza che il fenomeno dell’abusivismo commerciale può essere arginato solo se, accanto alle Forze dell’Ordine che non saranno né si sentiranno più sole, scende in campo, in uno stretto rapporto di collaborazione e coordinamento, l’intera società civile cittadina.”

Un coinvolgimento che consentirà, all’interno del ruolo di guida e coordinamento del Comitato provinciale ordine e sicurezza pubblica, di allargare alle categorie economiche la definizione delle strategie di contrasto alla rete illecita di acquisizione, immagazzinamento e trasporto delle merci destinate al commercio ambulante abusivo, nonché un più efficace rapporto delle categorie economiche con le Forze di Polizia per segnalare le situazioni di particolare rilevanza e interesse investigativo anche con l’istituzione di un numero telefonico dedicato allo scopo.

Con la firma del protocollo, gli aderenti alle associazioni si impegnano a non consentire a rivenditori ambulanti il deposito della merce presso gli stabilimenti balneari, di dissuadere eventuali tentativi di occupazione di zone della spiaggia con l’esposizione fissa di merce e anche a valutare la possibilità di ricorrere, anche in forma convenzionata, a personale degli Istituti di vigilanza per il controllo dei propri stabilimenti balneari. Una possibilità su cui la Prefettura si impegna direttamente favorendo la possibilità di forme di collaborazione tra gli stabilimenti balneari e gli Istituti di vigilanza per l’individuazione di ipotesi agevolate di contratti.

Accanto a quella di contrasto, l’opera d’informazione e sensibilizzazione nei confronti della clientela e anche verso le associazioni rappresentative delle comunità straniere presenti sul territorio ai fini della diffusione della cultura della legalità. Sarà il Tavolo di coordinamento costituito presso la Prefettura a monitorare i risultati raggiunti e proporre eventuali aggiustamenti negli interventi che il protocollo ha messo in essere.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ristorante costretto a chiudere, i titolari: "Impossibile pagare spese, non parliamo degli aiuti dello Stato"

  • Verso il nuovo Dpcm: l'Emilia-Romagna rischia di diventare zona rossa

  • Usava il reddito di cittadinanza per giocare nei casinò on-line e vincere 2 milioni di euro

  • La bravata durante la lezione on-line costa cara a due studenti minorenni

  • Bubana pronto ad aderire a #ioapro: "O apro il ristorante o chiudo per sempre"

  • Rissa tra giovanissimi in piazza, Fiori (Lega): "I soliti bambocci che creano problemi"

Torna su
RiminiToday è in caricamento