Nuovi colpi addebitati alla banda del bancomat, emesse 6 ordinanze di custodia cautelare

La basista del gruppo era una 33enne campana residente a Rimini, il gruppo bloccato dopo un folle inseguimento iniziato nel ravennate

Dopo l'arresto in flagranza, avvenuto a Rimini lo scorso 12 settembre al termine di un folle inseguimento iniziato nel ravennate, arrivano nuovi guai per una "banda del bancomat" che dovrà rispondere di una lunga serie di colpi. Tutti già in carcere per l'esplosione del bancomat dell’Unicredit di Mezzano sulla via Reale, nei confronti di Filomena Esposito, 33 anni cameriera residente a Viserba, Francesco Lo Spoto, 36 anni, Natalino Di Dio, 21, Emanuele Caposeno, 29, Ricco Maffei, 23, e Nunzio Mangiacotti, 48, è arrivata una nuova ordinanza di custodia cautelare emessa dal gip del tribunale di Ravenna Corrado Schiaretti, su richiesta del sostituto procuratore Stefano Stargiotti, per "furto pluriaggravato" e "detenzione e porto in luogo pubblico di sostanze esplodenti". Sono tutt'ora in corso ulteriori accertamenti al fine di appurare la responsabilità degli stessi in altri colpi ai danni di sportelli bancari avvenuti in zona prima e dopo il lockdown.

carabinieri banda bancomat 02

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per la banda il colpo a Mezzano si è rivelato fatale in quanto i carabinieri ravennati erano già da tempo sulle tracce del gruppo. Dopo l'esplosione i militari dell'Arma avevano iniziato a battere tutte le potenziali vie di fuga fino ad intercettare la Lancia Ypsilon della Esposito, fidanzata di uno dei componenti della banda, avvertendo poi colleghi di Rimini che erano andati a prendere la "batteria" nella base dove si rifugiavano dopo i colpi: un appartamento di Viserbella affittato alla cameriera 33enne. Durante la caccia all'uomo il commando aveva anche tentato lo speronamento di una delle auto di servizio dei militari. A bordo della vettura, una "Alfa Romeo Giulietta" rubata quella notte a Godo, vi era il bottino del colpo, oltre 7mila euro in contanti, ma anche numerosi attrezzi da scasso e indumenti per il travisamento.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, a breve un nuovo decreto: nuove regole più ristrettive

  • La fortuna bacia la Romagna con un "gratta e vinci" da due milioni di euro

  • Continua la galoppata dei nuovi contagiati, alunni della materna in quarantena

  • Carlo Cracco vignaiolo, lo chef inizia la vendemmia nella sua tenuta

  • Nuovo decreto: ingressi scaglionati a scuola, palestre e piscine a rischio chiusura

  • Facoltoso ristoratore intasca il reddito di cittadinanza

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RiminiToday è in caricamento