menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Nuovo Dpcm, Confagricoltura: "Estendere i ristori annunciati anche alla filiera agroalimentare"

Il presidente Carlo Carli: "Qualsiasi esclusione sarebbe incomprensibile ed ingiustificata"

Il presidente di Confagricoltura di Forlì-Cesena e di Rimini, Carlo Carli, in relazione al nuovo Dpcm del 25 ottobre evidenzia come, subito dopo la salute pubblica, che ha la priorità assoluta, sia necessario "tener conto delle conseguenze economiche delle nuove e necessarie misure assunte dal governo per frenare la diffusione dei contagi”. 

"Il settore della ristorazione, ancora una volta, è tra quelli presi in considerazione dai provvedimenti del governo, con ulteriori limitazioni dell’attività che avranno impatto anche sui settori collegati al canale ‘Ho.Re.Ca.’, in primo luogo quello agroalimentare. Auspico che il governo voglia includere anche la filiera agroalimentare fra coloro che riceveranno ristori adeguati e tempestivi già annunciati dal governo. Qualsiasi esclusione sarebbe incomprensibile ed ingiustificata”, dice Carli.

Confagricoltura ricorda come consumi alimentari extradomestici, nel 2019, siano ammontati a 85 miliardi di euro. Secondo le stime di Ismea (Istituto di servizi per il mercato agricolo alimentare), a causa dell’emergenza sanitaria, si profila quest’anno una contrazione di 34 miliardi di euro".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RiminiToday è in caricamento