menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Occupazione di Villa Ricci, una troupe di Report intervista i lavoratori stagionali

Sono 4 i lavoratori e le lavoratrici stagionali che vivono all'interno del Villino Ricci occupato il 23 maggio dopo il sequestro di Casa Madiba e lo sgombero di Villa Flo

Nella giornata di martedì, presso il Villino Ricci occupato, la troupe della trasmissione di inchiesta giornalistica Report con il giornalista Bernardo Iovine, ha registrato alcune interviste alle lavoratrici stagionali che 'si sono ribellate ai dispositivi che caratterizzano le forme di lavoro paraschiavistico e gravemente sfruttato nel settore turistico/balneare della Riviera romagnola'. Sono 4 i lavoratori e le lavoratrici stagionali che vivono all'interno del Villino Ricci occupato il 23 maggio dopo il sequestro di Casa Madiba e lo sgombero di Villa Flo, nonostante tutti lavorino presso le aziende turistiche del territorio, nessuno di loro è in grado di potersi permettere un affitto. Secondo l'associazione Rumori Sinistri, questa situazione 'dimostra che si stanno diffondendo sempre più i working poor e per quanto la disoccupazione sia sicuramente una delle cause primarie della povertà, l'essere occupati non protegge più totalmente dalla povertà. E infatti, i working poor sono cresciuti del 50 per cento dal 2008 al 2013), ovvero sempre più maggiori categorie di lavoratori e lavoratrici (fra questi gli stagionali) che pur  regolarmente occupati si trovano di fatto in condizioni di povertà e non autosufficienti dal punto di vista economico'.

La troupe di Report tornerà durante il periodo estivo a Rimini per registrare nuove interviste, il servizio andrà in onda in una trasmissione di Report dell'autunno dedicata al lavoro nell'Italia del Jobs act. In un comunicato stampa, Rumori Sinistri spiega che 'l’esperienza del Villino Ricci presenta pertanto un carattere di novità rispetto ad un occupazione abitativa tout court perché lega la battaglia per il diritto alla casa a quello per un reddito e un salario minimo unici strumenti per contrastare la povertà crescente e i ricatti nel mondo del lavoro'. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Alla scoperta dei luoghi della fede: il viaggio è anche online

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RiminiToday è in caricamento