rotate-mobile
Martedì, 17 Maggio 2022
Cronaca Riccione

L'offerta turistica di Riccione si conferma a misura di famiglia

Secondo uno studio del Consorzio Riccione Turismo il 42,3% degli utenti vive in Lombardia, il 20% in Emilia-Romagna e l’11% in Veneto

Un’estate 2021 positiva sotto il profilo del fatturato: il 63% dei soci aderenti al Consorzio Riccione Turismo nell’indagine di customer promossa a fine stagione ha indicato un significativo aumento nel periodo giugno-settembre rispetto al 2019. Positiva anche la rispondenza sul tasso d’occupazione delle strutture sempre nel periodo giugno-settembre e ancora sul 2019: il 59% dei soci ha, infatti, rilevato un incremento.

Quante le richieste ricevute da Riccione Turismo nel 2021 si sono trasformate in prenotazioni? Considerato il panel delle risposte, la metà dei soci ha ricevuto fino a 10 richieste, ma ben il 37% da 11 a 60 prenotazioni.

Nel corso dell’assemblea dei soci del Consorzio Riccione Turismo, svoltasi all’Hotel Corallo di Riccione lunedì 20 dicembre, si è posta altresì l’attenzione su un’altra indagine di customer: questa volta riferita agli utenti e dunque a chi conosce e frequenta la Perla Verde. Il panel preso in esame, 220 le risposte valide, mette in evidenza alcune peculiarità: il 42,3% degli utenti vive in Lombardia, il 20% in Emilia-Romagna e l’11% in Veneto. Complessivamente, l’82% dell’utenza proviene dal Nord Italia, il 14% dal Centro e il 4% dal Sud.

Ampia la rappresentanza delle famiglie: il 41%; seguite dall’utenza senior - 22% - e dalla fascia coppie/giovani al 21%. Il 65% degli utenti che hanno interagito con l’indagine di customer, è già stato a Riccione negli ultimi 3 anni; il 77% di essi ha espresso un giudizio di soddisfazione nei confronti del portale VisitRiccione confermando l’intenzione di utilizzarlo ancora per programmare le prossime vacanze.

E la percezione degli utenti in rapporto ai servizi offerti dalla città? Vincono - in termini di percezione positiva - le voci dedicate a intrattenimento e spiagge. Sotto la media il giudizio sulla qualità dei servizi pubblici e sulla sicurezza. Nel corso del dibattito - tra i presenti in platea anche Bruno Bianchini, Presidente Federalberghi Riccione e Bruno Bernabei, Direttore Costa Hotels - è emerso, e condiviso, il desiderio che tutte le componenti imprenditoriali e istituzionali del turismo riccionese tornino a confrontarsi periodicamente, come già avveniva in passato, per promuovere insieme l’immagine della città attraverso azioni di marketing e comunicazione concertate assieme. E ciò in un’ottica di vicendevole scambio d’informazioni, conoscenze, progettualità utili a rendere il brand Riccione - che ha un’innegabile forza evocativa - ancora più appetibile sul mercato italiano ed estero.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'offerta turistica di Riccione si conferma a misura di famiglia

RiminiToday è in caricamento