Omicidio a Marina centro, Paola Gualano: "Siamo sconvolti, è l'ennesimo femminicidio"

"Troppe donne ancora non sanno o non hanno la forza di chiedere aiuto, la strada da percorrere è ancora lunga"

Rabbia e dolore attraversano le parole di Paola Gualano, presidente dell'associazione Rompi il silenzio, attiva da anni sul territorio in aiuto delle donne vittima di violenza. L'omicidio che si è consumato a Marina Centro lascia la comunità senza parole e in queste ore sono tanti a interrogarsi su cosa abbia portato al tragico epilogo. "Ho saputo la notizia stamattina, mi ha chiamato un'operatrice del centro antiviolenza. Sono rimasta sconvolta - spiega Paola Gualano - un delitto avvenuto vicino a tutti noi, a Marina Centro. Ci siamo subito interessati per capire se in passato questa signora avesse chiesto il nostro aiuto, ma non era una donna seguita da noi, né in passato né recentemente".

A far gelare il sangue a Paola Gualano è anche la dichiarazione del marito omicida che avrebbe riferito di "avere perso la testa". La presidente di Rompi il silenzio non accetta più questa frase: "La dichiarazione mi è saltata subito agli occhi, la domanda che segue è... 'l'ha per persa per quale motivo? Forse per qualcosa che ha fatto lei? E nella mentalità di molte persone in automatico si pensa a una colpa da addossare alla donna. Così si ritorna ai vecchissimi ragionamenti del possesso, ed è inaccettabile. Purtroppo la strada da fare è ancora lunga e non credo che basti una generazione per vedere sovvertire un sistema di questo tipo. Questi sono gli aspetti che mi fanno più soffrire. Comunque, questo è un femminicidio, l'ennesimo e nonostante il rumore che facciamo con la nostra associazione troppe donne non sanno ancora che possono chiedere aiuto. Ma non solo a noi, anche alle forze dell'ordine che sono presenti con grande sensibilità sul territorio e molto in questi anni è stato fatto".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ristorante costretto a chiudere, i titolari: "Impossibile pagare spese, non parliamo degli aiuti dello Stato"

  • La bravata durante la lezione on-line costa cara a due studenti minorenni

  • Usava il reddito di cittadinanza per giocare nei casinò on-line e vincere 2 milioni di euro

  • Bubana pronto ad aderire a #ioapro: "O apro il ristorante o chiudo per sempre"

  • Organizzano una festa di compleanno e la pubblicano sui social: arriva la Polizia, multe salate a dieci ragazzi

  • Superenalotto, colpaccio a Rimini: centrato un "5" da decine di migliaia di euro

Torna su
RiminiToday è in caricamento