Giovedì, 24 Giugno 2021
Cronaca Viserba / Via Ennio Coletti, 156

Uccide la moglie con un mix di medicinali e poi tenta di togliersi la vita, scrive tutto in un biglietto

Dalle prime indagini dei carabinieri, pare che il 75enne abbia ucciso la moglie malata e lasciato un biglietto nel quale spiegava le motivazioni del gesto

Tragedia famigliare nella mattinata di lunedì con il marito che ha ucciso la moglie e poi ha cercato di togliersi la vita. Il dramma è stato scoperto intorno alle 9.30 quando, nell'appartamento di via Coletti dove viveva l'anziana coppia, è entrata la badante che li ha ritrovati entrambi senza sensi nella camera da letto. La donna, una 77enne, si trovava sul letto, mentre il marito di 75 anni era a terra. E' scattato l'allarme e, sul posto, sono accorsi i mezzi del 118 e i carabinieri. I sanitari non hanno potuto far altro che accertare il decesso della signora, mentre l'uomo era in gravi condizioni ed è stato trasportato d'urgenza in pronto soccorso.

Dalle prime indagini dei carabinieri, pare che il 75enne abbia ucciso la moglie malata e lasciato un biglietto nel quale spiegava le motivazioni del gesto. Sarebbe stata la 77enne, affetta da Alzheimer, a chiedere al marito di volerla fare finita. Nell'ultimo messaggio, l'uomo ha scritto di averla accontentata, preparando un mix farmaci, facendoglielo bere e poi assumendo lui stesso il mix mortale.

Sul posto è intervenuto il pubblico ministero di turno, Luca Bertuzzi, che ha disposto l'autopsia sul cadavere della 77enne, mentre il marito si trova piantonato nel nosocomio riminese. L'uomo era un ex infermiere. La vittima gestiva una pensione a Viserba. I vicini li hanno descritti come una coppia molto affiatata. Anche i famigliari, pur spiegando che ultimamente il 75enne era molto prostrato a causa della malattia della moglie, nulla lasciava presagire alla tragedia.

Una ricostruzione, quella degli inquirenti, contestata dai figli della coppia che tramite il loro legale forniscono una chiave di lettur diversa sull'accaduto. Secondo l'avvocato della famiglia, infatti, la 77enne sarebbe deceduta nel sonno per cause naturali e al suo risveglio il marito l'avrebbe trovata priva di vita. Sconvolto dal dolore, il 75enne avrebbe accusato quindi un malore cadendo a terra dove è stato trovato dalla badante. Il legale, oltre a spiegare diversamente l'accaduto, ha tenuto a precisare che si trattava di una coppia molto unita tanto che un anno fa quando la signora ha iniziato ad avere seri problemi legati all'Alzheimer aveva nominato come amministratore di sostegno proprio il marito. La malattia della donna, inoltre, negli ultimi tempi era peggiorata sensibilmente e quindi per il figlio e la figlia della coppia il decesso sarebbe dovuto a questo fattore. Sarà comunque l'autopsia, decisa dal magistrato, a fare chiarezza sull'accaduto.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Uccide la moglie con un mix di medicinali e poi tenta di togliersi la vita, scrive tutto in un biglietto

RiminiToday è in caricamento