Operazione 'Strade Sicure', l'Esercito presidierà i punti più caldi di Rimini

I militari della caserma riminese "Giulio Cesare" saranno a disposizione delle autorità di pubblica sicurezza, per svolgere il proprio servizio congiuntamente alle forze dell'ordine

Il Raggruppamento Tattico “Emilia Romagna-Marche”, impiegato nell’ambito dell’Operazione “Strade Sicure” a Bologna, Pesaro, Fano, Modena e Parma e il cui comando risale al 121° Reggimento di artiglieria controaerei “Ravenna” in Bologna, sarà presente, da oggi, anche nelle strade di Rimini. I militari della caserma riminese “Giulio Cesare” saranno a disposizione delle autorità di pubblica sicurezza, per svolgere il proprio servizio in concorso e congiuntamente alle forze dell’ordine, in quelle zone della città dove è stata ravvisata la necessità di una maggiore azione di contrasto alla criminalità. L'Esercito, dall'agosto 2008, partecipa all'Operazione "Strade Sicure" in concorso e congiuntamente alle forze dell'ordine, garantendo sicurezza e prevenzione del crimine presidiando punti sensibili e pattugliando aree cittadine.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Accogliamo con soddisfazione - ha commentato l'onorevole Tiziano Arlotti - l’annuncio dell’invio del contingente di militari a Rimini e provincia nell’ambito dell’operazione “Strade sicure” dei ministeri dell’Interno e della Difesa. L’azione che ho condotto nei mesi scorsi di concerto con il Prefetto di Rimini, attraverso lettere ai ministri Angelino Alfano e Roberta Pinotti e anche grazie ad un incontro con quest’ultima, ha sortito i suoi effetti. I militari posti a presidio dei cosiddetti “obiettivi sensibili” sono una prima risposta alle peculiari necessità di ordine pubblico del nostro territorio, che come rilevato più volte sono legate al massiccio numero delle presenze turistiche (confermati anche dall’ottimo andamento del ponte del 2 giugno scorso) e non riconducibili al mero numero dei residenti. E' un'altra buona notizia dopo l'impegno del Governo per il mantenimento dei presidi di polizia postale e nautica. Attendiamo ora una risposta altrettanto adeguata sui rinforzi estivi di personale, automezzi e dotazioni delle forze di polizia operanti in provincia di Rimini, chiedendo che siano mantenuti sul territorio almeno fino al 15 settembre".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, quota 100 contagiati nel Riminese: boom di tamponi

  • Continuano a crescere i nuovi positivi, Rimini tra le province peggiori in regione

  • Dipendente positivo al coronavirus, il pub chiude per fare i tamponi a tutto il personale

  • Nuovo dpcm, è un mini lockdown: ristoranti chiusi alle 18. Stop per cinema, palestre e teatri

  • Nuovi casi di Covid pericolosamente vicini a quota 100, Rimini tra i peggiori in regione

  • Aeroporto, nuovo volo al Fellini con partenza da dicembre

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RiminiToday è in caricamento