Operazione "Strade sicure", spuntano attrezzi per ladri e refurtiva

E' di due denunce a piede libero il bilancio dell'operazione “Strade sicure” svolta martedì pomeriggio dai Carabinieri della stazione di Rimini, coadiuvati dai militari del Comando Av.Es-Vega di Viterbo

E' di due denunce a piede libero il bilancio dell'operazione “Strade sicure” svolta martedì pomeriggio dai Carabinieri della stazione di Rimini, coadiuvati dai militari del Comando Av.Es-Vega di Viterbo, nella zona di Borgo Marina. Si tratta di due romeni, entrambi di 24 anni. Il primo, un operaio, domiciliato a Cesena, è stato trovato in possesso di cutter e vari arnesi da scasso mentre stava passeggiando in piazzale Cesare Battisti.

L'accusa è possesso ingiustificato di chiavi alterate o grimaldelli e porto di oggetti atti ad offendere. L'altro romeno, disoccupato, è accusato di acquisto di oggetti di dubbia provenienza. Controllato lungo corso Giovanni XXIII, è stato trovato in possesso di un personal computer portatile, una tastiera, un mouse ed un mulinello da pesca, di cui l’interessato non ha saputo giustificare la provenienza.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ristorante costretto a chiudere, i titolari: "Impossibile pagare spese, non parliamo degli aiuti dello Stato"

  • Verso il nuovo Dpcm: l'Emilia-Romagna rischia di diventare zona rossa

  • La bravata durante la lezione on-line costa cara a due studenti minorenni

  • Usava il reddito di cittadinanza per giocare nei casinò on-line e vincere 2 milioni di euro

  • Bubana pronto ad aderire a #ioapro: "O apro il ristorante o chiudo per sempre"

  • Rissa tra giovanissimi in piazza, Fiori (Lega): "I soliti bambocci che creano problemi"

Torna su
RiminiToday è in caricamento