rotate-mobile
Sabato, 21 Maggio 2022
Cronaca Santarcangelo di Romagna

Ospedale di Santarcangelo, protesta degli infermieri: "Spogliatoi degradati e senza servizi base"

Spogliatoi indecenti per il personale dell'ospedale Franchini di Santarcangelo. A protestare è il sindacato degli infermieri Nursing-up

Spogliatoi indecenti per il personale dell'ospedale Franchini di Santarcangelo. A protestare è il sindacato degli infermieri Nursing-up, che lamenta il mancato rispetto delle norme sulla sicurezza del lavoro e dell'igiene. Spiega una nota: “Gli spogliatoi presenti in questo ospedale non sono di ultima generazione e sono anni che sono  in tali condizioni quindi i dirigenti della Ausl Romagna non  possono dirsi di  non essere informati della situazione”.

“L' ospedale ospita più spogliatoi e alcuni di questi non sembrerebbero rispondere a quanto previsto dalla legge, in particolar modo quello per il personale  maschile che si presenta come un ambiente non salubre pieno di muffa ai muri e gli stessi sono scalcinati in percentuale elevata”, spiega la nota. “La porta, che pare essere anche l’unica, non ha il maniglione antipanico e quindi non facilita la via di fuga in caso di esodo, inoltre la stessa non è segnalata come uscita di emergenza. Non è presente un percorso senza ostacoli al deflusso che consenta alle persone che occupano il locale di raggiungere un luogo sicuro, lo spogliatoio è di circa 16 metri quadrati e non presenta nessun bagno ne tanto meno una doccia”. Quindi “la possibilità di eseguire una igiene della persona a fine turno è pressoché preclusa, dato che non vi sono lavabi, quindi non c'è acqua per un minimo di igiene personale e l’unico bagno presente ma sprovvisto di doccia è all’esterno dello spogliatoio e fruibile da chiunque”. Ed ancora: “In uno spazio di circa 16 metri quadri sono disposti 29 armadietti (50x50x180,circa), non vi sono sufficienti sedute di appoggio, la finestra non è raggiungibile, non solo perché posta in alto e priva di maniglione laterale per poterla aprire e chiudere, ma perché sotto ci sono gli armadietti che ne ostacolano l’accessibilità. Vi pare decoroso per degli operatori visto anche la necessità di dover fare una doccia, per ovvi motivi,   un tale trattamento?”.

E concludono: “Abbiamo già inviato una dettagliata nota alla Ausl Romagna chiedendo un immediato intervento a garanzia e tutela della salute e della sicurezza del lavoratore. la Ausl Romagna ha 2 mesi di tempo, dopodiché saranno gli organi  istituzionali di competenza a gestire la problematica previo nostra richiesta di intervento”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ospedale di Santarcangelo, protesta degli infermieri: "Spogliatoi degradati e senza servizi base"

RiminiToday è in caricamento