Ottomila visitatori hanno visto il 'Giardino d'autore"

A Riccione si è appena conclusa l’edizione primaverile di Giardini d’Autore tenutasi a Villa lodi Fe’ venerdì 15, sabato 16 e domenica 17 marzo. Nonostante le avverse condizioni meteorologiche anche quest’anno la manifestazione si è tenuta

A Riccione si è appena conclusa l’edizione primaverile di Giardini d’Autore tenutasi a Villa lodi Fe’ venerdì 15, sabato 16 e domenica 17 marzo. Nonostante le avverse condizioni meteorologiche anche quest’anno la manifestazione ha dato prova di essere un vero e proprio punto di riferimento per gli amanti del settore giunti appositamente a Riccione per partecipare a questo evento.

La sorpresa più grande l’hanno riservata proprio i visitatori: circa 8.000 persone anche quest’anno hanno voluto partecipare a Giardini d’Autore sfidando le gelide temperature di questo marzo così freddo e partecipare con entusiasmo non solo alla mostra per acquistare collezioni botaniche uniche ma intervenendo numerosi anche alle conferenze, ai laboratori e alle visite a Villa des Verges. Oltre 100 bambini della scuola dell’infanzia e delle elementari del circondario riccionese che hanno usufruito delle attività didattiche loro dedicate e messe a disposizione gratuitamente dall’organizzazione per promuovere la cultura del verde partendo proprio dai più piccoli.

Curiosità e interesse ha suscitato l’allestimento del Giardino dei Semplici a cura di Edoardo Santoro, responsabile del Borgo Medioevale di Torino, così come la conversazione a tre voci tenuta da quest’ultimo insieme a Marco Gramaglia, vivaista, ed Erika Angelini di Mani in Gioco, esperta di storia locale, che hanno guidato il pubblico alla scoperta del giardino medioevale tra piante, cultura e magia.

Eco.giardino, con l’allestimento della casa sull’albero, ha stupito adulti e bambini: il pubblico è stato costantemente in fila per poterla visitare e apprezzare interamente. Che questa divertente idea possa diventare una realtà a Riccione e promuovere così un turismo diverso, inserito in contesti ambientali inusuali per la Città? Forse, in ogni caso il progetto ha riscosso grande successo.

La presentazione della prima produzione di tè tutta italiana (Sant’Andrea in Compito – Lucca) da camelia sinensis, la cerimonia del tè officiata membri dell’Associazione giapponese Lailac di Firenze e la possibilità di sorseggiare innumerevoli varietà di questa bevanda presso la sala da tè aperta per l’occasione hanno letteralmente scaldato il cuore e lo spirito dei visitatori di Giardini d’Autore che aspettiamo il prossimo 21 e 22 settembre 2013, sempre a Villa lodi Fè, Riccione, per l’edizione autunnale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ristorante costretto a chiudere, i titolari: "Impossibile pagare spese, non parliamo degli aiuti dello Stato"

  • Muore folgorato mentre scolpisce il legno nella sua abitazione

  • Verso il nuovo Dpcm: l'Emilia-Romagna rischia di diventare zona rossa

  • Risponde a un annuncio di lavoro e finisce nella rete di un maniaco sessuale

  • Il sindaco Parma lancia l'allarme: "Seconda ondata Covid sta colpendo duramente Santarcangelo"

  • Usava il reddito di cittadinanza per giocare nei casinò on-line e vincere 2 milioni di euro

Torna su
RiminiToday è in caricamento