menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Paga la vacanza per se e il figlio con assegni rubati, denunciato

Pagava le vacanze per se e il figlio con assegni rubati. Un torinese di 49 anni è stato denunciato dagli agenti della Questura di Rimini con le accuse di truffa e ricettazione

Pagava le vacanze per se e il figlio con assegni rubati. Un torinese di 49 anni è stato denunciato dagli agenti della Questura di Rimini con le accuse di truffa e ricettazione. L'uomo era stato ospite di un albergo della Riviera dal 24 maggio, versando come caparra per usufruire del servizio un assegno. L'albergatore, al momento di incassare, ha scoperto che il foglio era rubato. Così ha sporto denuncia in Questura. Le indagini hanno permesso di identificare i due ospiti.


Nel corso della perquisizione della camera dove alloggiavano, sono stati trovati tre blocchetti di assegni rubati a due ragazze toscane. Il terzo blocchetto era invece relativo ad un conto corrente postale. Il 49enne non era nuovo a questo tipo di truffa, riuscendo a “scroccare” una villeggiatura in Toscana.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Benessere

I 5 DPI più efficaci per contrastare il Covid-19

Attualità

Famija Arciunesa premia i vincitori del concorso "Vota il presepe"

Attualità

"Fellini Calls", successo per la tre giorni dedicata al regista premio Oscar

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RiminiToday è in caricamento