Cronaca

Paolo Maggioli presidente del nuovo Comitato Territoriale Romagna Marche di Crédit Agricole Italia

Formato da otto rappresentanti del territorio ed ha la missione di recepire le istanze locali e sostenere iniziative e progetti

È stato presentato a Rimini il nuovo Comitato Territoriale Romagna Marche di Crédit Agricole Italia. L’organismo ha lo scopo di rafforzare ulteriormente il legame con i territori, favorire la continuità delle relazioni istituzionali a livello locale con tutti gli stakeholder nonché contribuire all’individuazione di interventi e progetti orientati a supportare e favorire la crescita e lo sviluppo sostenibile. Il Comitato è composto sia da membri interni che esterni identificati tra qualificati esponenti dell’imprenditoria e dell’associazionismo ed esponenti del mondo accademico della realtà socio-economica della Romagna e delle Marche – territorio, quest’ultimo, in cui il Gruppo ha fatto il suo ingresso con l’acquisizione delle filiali ex Creval. Gli incontri hanno cadenza quadrimestrale, e proprio oggi si è tenuto presso il Castello di Gradara un evento con gli imprenditori del territorio per approfondire il PNRR e la finanza agevolata come fattori abilitanti della transizione ESG.

Presidente Paolo Maggioli – AD di Maggioli Spa; Valentina Aureli – AD di Aetna Group Spa; Ivana Guidi – socio dell’Azienda Agricola Guidi; Silvia Paci – CFO di Profilglass; Davide Stefanelli – Presidente di VEM Sistemi; Emanuela Scavolini – Vicepresidente Gruppo Scavolini; Lorenzo Tersi – Founder & CEO di LT Wine & Food Advisory; Massimo Cicognani – docente di Analisi Matematica all’Università di Bologna.

Roberto Ghisellini, Condirettore Generale di Crédit Agricole Italia, ha commentato: “Sono lieto di presentare la nuova squadra di eccellenza che costituisce il Comitato Territoriale Romagna Marche. Si tratta di personalità di spicco, rappresentanti dei territori che sapranno coniugare professionalità e impegno per garantire il supporto alle economie locali e promuovere percorsi di crescita e sviluppo a beneficio della collettività. Crédit Agricole Italia continua a sostenere l’economia e la comunità locale non solo con l’attività commerciale ma anche attraverso iniziative che, come questa, sono volte a valorizzarne le potenzialità.”

L’organismo agirà in continuità con le attività promosse negli scorsi anni dal Comitato Romagna, che avevano portato all’attivazione di un nuovo indirizzo di laurea biennale presso il polo di Forlì e Cesena in “Digital Management Transformation”, sostenuto da Crédit Agricole Italia e destinato a laureati triennali in ambito economico e informatico, finalizzato a formare figure professionali che possano implementare e accelerare la trasformazione digitale delle aziende. Il corso ha registrato notevole successo, con oltre 300 richieste d’iscrizione, di cui 200 dall’esterno, a fronte di 60 posti disponibili. Al focus sulla formazione dei giovani si era aggiunto anche quello sull’innovazione, con la firma del primo contratto di filiera fatto in Italia con il Gruppo Orogel seguito in seguito anche da un altro accordo di filiera con Consorzio Terra Bio nelle Marche. Sono attualmente sei i Comitati costituiti da Crédit Agricole Italia nelle regioni dove sono state realizzate le recenti operazioni di integrazione delle banche entrate a far parte del Gruppo, in attuazione del progetto di “Banca unica”: Nord Est, Liguria, Lombardia, Romagna-Marche, Sicilia, Toscana.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Paolo Maggioli presidente del nuovo Comitato Territoriale Romagna Marche di Crédit Agricole Italia
RiminiToday è in caricamento