rotate-mobile
Giovedì, 27 Gennaio 2022
Cronaca Riccione

Il film sul Sic, papà Paolo: "Sapevo che Marco sarebbe diventato un grande ma così ha esagerato"

Tutto pronto a Riccione per l'anteprima del documentario sul Sic, il papà: "All'inizio avevamo dei dubbi sul film ma la regista ha fatto un lavoro eccezionale"

A dieci anni dalla sua tragica scomparsa, arriva nelle sale italiane come uscita evento Sic, soprannome dell’indimenticabile Marco Simoncelli. Il documentario, diretto da Alice Filippi, restituisce il ritratto intenso ed emozionante del campione di Coriano il cui ricordo continua ad emozionare quanti hanno avuto la fortuna di conoscerlo o di poter assistere alle sue gare e ai suoi trionfi. La pellicola, in anteprima martedì 21 al Cinepalace di Riccione, mostra al pubblico la vita del bambino e del ragazzo allegro e scanzonato, con tanti filmati d’archivio divertenti e commoventi. Un pilota competitivo, dolce nella vita quanto duro in pista, ma che interpretava la vita in maniera corretta, serena, schietta e semplice. Impossibili non citare le testimonianze di Paolo Simoncelli, Kate Fretti e Valentino Rossi, e la partecipazione, tra gli altri, di Mattia Pasini, Carlo Pernat, Paolo Beltramo, Alvaro Bautista, il Dottor Claudio Costa, Aldo Drudi, Aligi Deganello, Sanzio “Malabrocca” Raffaelli, Giampiero Sacchi, Guido Meda.

Paolo, cosa pensi di questa pellicola?
All'inizio eravamo sinceramente un po' preoccupati sul progetto ma Alice Filippi ha fatto un lavoro eccezionale riuscendo a raccontare la storia nella sua interezza e, allo stesso tempo, nella sua durezza il tutto con una straordinaria semplicità. E' un buon modo per far capire ai ragazzi di oggi che, credendoci, si può fare di tutto.

Perchè è da vedere assolutamente?
Sicuramente per chi ha seguito la vicenda sportiva di Marco è un buon modo per rinfrescare la memoria mentre, soprattutto per i più giovani, è un modo per conoscere il Sic magari dopo aver ascoltato la sua storia dai genitori. Spesso, infatti, quando sono in giro ci sono molte famiglie che mi fermano per salutarmi e mamma e papà mi presentano ai loro figli come il 'babbo di Marco' ma loro rimangono un po' spiazzati perchè magari non conoscono il riferimento. Ecco, questo film è anche per loro.

La scomparsa di Marco ha lasciato un vuoto enorme e incolmabile, a 10 anni dalla sua scomparsa avresti mai immaginato che ci sarebbe stato tutto questo affetto intorno alla sua figura?
Sinceramente non ci ho mai pensato. La mia unica certezza è che era un campione del mondo, e lo ha dimostrato, e una grandissima persona ma così ha esagerato. Proprio come era il suo solito.

Archiviata la stagione 2021, sei già pronto per il prossimo Motomondiale?
Si: il prossimo anno, dopo il saluto a Suzuki, abbiamo optato per un ritorno. Alla Sic58 Squadra Corse, infatti, avremo Riccardo Rossi il pilota genovese con il quale abbiamo già condiviso l'avventura del Civ PreMoto3 125 nel 2015 chiudendo 4°. E' un pilota in crescita e, sicuramente, insieme faremo delle belle cose.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il film sul Sic, papà Paolo: "Sapevo che Marco sarebbe diventato un grande ma così ha esagerato"

RiminiToday è in caricamento