rotate-mobile
Sabato, 21 Maggio 2022
Cronaca Riccione

Un paradiso del benessere a due passi dal mare. Ecco come saranno le nuove terme di Riccione

Verranno creati un centro termale, ampliato rispetto a quello preesistente nella ex colonia Burgo, una struttura ricettiva, un centro benessere e Spa, nell’area delle “Perle d’Acqua”

Un parco termale da cinquemila metri quadrati che diventerà il nuovo e atteso prodotto turistico per la città di Riccione. Il litorale sud della città di Riccione si arricchisce di una nuova e importante riqualificazione. Dopo i campeggi del Club del Sole, arriva il polo termale all'avanguardia, con servizi accreditati dalla sanità pubblica, un'oasi verde con piscine e percorsi rigenerativi di alta specializzazione, hotel benessere con Spa aperto tutto l'anno. Le nuove terme di Riccione, così come emergono dal progetto approvato dalla giunta comunale, in base alla proposta di accordo operativo presentato dalla “Società Riccione Terme”, prevedono la complessiva rigenerazione e riqualificazione urbana della ex Colonia Burgo e dall’attuale parco termale “Perle d’acqua”.

Verranno quindi creati un Centro Termale, ampliato rispetto a quello preesistente nella ex Colonia Burgo, una struttura ricettiva, un centro benessere e Spa, nell’area delle “Perle d’Acqua”. Riqualificazione importante anche nella parte pubblica dove è prevista la realizzazione di un parco verde di 7.629 metri quadrati, attrezzato e con percorsi pedonali; circa 5.085 metri quadrati adibiti a parcheggi pubblici e una pista ciclabile che si inserisce nell’ambito del progetto di “ciclovia adriatica”. Dall'hotel e Spa, si potrà accedere al parco termale, 5 mila metri quadrati di terme e zona benessere aperta al pubblico esterno, da una passeggiata sopraelevata che nella stagione invernale garantirà il confort di un passaggio climatizzato dall'area hospitality a quella delle piscine e dei percorsi in acqua. Per quanto riguarda la sistemazione nelle aree pubbliche come da accordo operativo, è previsto tutta la rigenerazione e nuova composizione del verde, parcheggi e pista ciclabile sia su viale Torino che su viale Da Verrazzano.

Un paradiso del benessere: svelato il progetto delle nuove terme di Riccione

Come per gli altri accordi operativi derivanti dal bando di evidenza pubblica indetto dal Comune di Riccione, la base normativa di riferimento è la legge  regionale n.24-2017 applicata in maniera puntuale dall’Amministrazione Comunale per dare impulso alla riqualificazione del territorio comunale con nuovi investimenti e rigenerazioni in tema turistico ricettivo.

Dichiarazione dell'Assessore a mobilità e trasporti, infrastrutture, turismo, commercio della Regione Emilia Romagna, Andrea Corsini: "Le nuove terme di Riccione, polo termale all'avanguardia totalmente rinnovato, andranno ad ampliare ulteriormente la già vastissima offerta della nostra stupenda riviera, incrementandone l’attrattività con nuove proposte termali e sanitarie che porteranno a un significativo prolungamento dell’attuale stagione turistica. Si tratta di un progetto ambizioso, che si inserisce perfettamente nell’ambito della valorizzazione e promozione complessive delle stazioni termali di tutta la regione, che vanta uno dei patrimoni più ricchi nell’ambito del panorama italiano".

Dichiarazione del sindaco di Riccione, Renata Tosi: "Riccione Terme è tra le riqualificazioni più importanti sul litorale sud di Riccione. Il progetto approvato in Giunta, nel rispetto di ogni canone di legge, è bello, all'avanguardia anche architettonicamente. Si crea così un nuovo prodotto turistico, quello legato al benessere e al termale che sdogana e rende la città di Riccione definitivamente aperta tutto l'anno. Investimenti e prospettive che la città mette a sistema. Prendiamo le due grandi riqualificazioni in atto come Riccione Terme e i campeggi del Club del Sole, rispondono entrambe ad una domanda sempre più alta e qualificata in fatto di servizi e strutture. A queste si aggiungono le spiagge che godono di nuove attrezzature rendendo il litorale sud della città, a due passi dai viali commerciali, una realtà dinamica e proiettata al futuro. Anche in questo caso vorrei ringraziare per il lavoro svolto l'Ufficio Urbanistico del Comune di Riccione, il dirigente l'ingegnere Michele Bonito e la posizione organizzativa, l'architetto Odetta Tomasetti, perché fanno sempre la differenza nella capacità di dare risposte alle esigenze dell'imprenditoria coniugandole con gli interessi pubblici".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Un paradiso del benessere a due passi dal mare. Ecco come saranno le nuove terme di Riccione

RiminiToday è in caricamento