Parcheggiatori abusivi costringono un'anziana a pagare e aggrediscono la polizia

Aveva parcheggiato la propria auto in piazzale Gramsci, a ridosso del Mercato Coperto, ma quando è stato il momento di scendere un'anziana riminese si è trovata davanti due parcheggiatori abusivi

Aveva parcheggiato la propria auto in piazzale Gramsci, a ridosso del Mercato Coperto, ma quando è stato il momento di scendere un’anziana riminese si è trovata davanti due parcheggiatori abusivi, di nazionalità nigeriana ed entrambi 29enni, che hanno iniziato a molestarla per essere pagati. Il ricatto è andato in scena mercoledì mattina, verso le 10, e in un primo momento la donna si è rifiutata di sottostare alla richiesta del “pizzo” ma, i due, si sono fatti sempre più insistenti tanto che, impaurita, l’automobilista è stata costretta a dare loro una moneta da 1 euro.

Poco dopo, in via IV novembre, la donna ha notato una pattuglia della polizia e, dopo averla fermata, ha spiegato agli agenti la situazione di cui era rimasta vittima sostenendo che, per l’aggressività dei due nigeriani, aveva paura a ritornare al posteggio. Il personale della Volante ha accompagnato l’anziana alla vettura e, alla vista delle divise, i due parcheggiatori abusivi sono fuggiti verso il Mercato Coperto facendo perdere le proprie tracce. La pattuglia della polizia, tuttavia, non ha desistito ed è rimasta nella zona fino a quando, verso le 11.30, i due nigeriani sono tornati a farsi vivi per taglieggiare gli automobilista in cerca di parcheggio. Questa volta gli agenti sono riusciti a bloccarne uno e a portalo in Questura.

Dopo pochi minuti, il secondo è ritornato non accorgendosi che, nel parcheggio, era rimasto nascosto un poliziotto che ha cercato di arrestarlo nonostante l’uomo opponesse una strenua resistenza. Ne è nato un piccolo tafferuglio con l’agente che, nel tentativo di ammanettare il nigeriano, è rimasto ferito nella colluttazione riportando delle lesioni giudicate guaribili in 15 giorni. Il primo parcheggiatore è risultato inottemperante al decreto di espulsione ed è stato denunciato a piede libero mentre il secondo, arrestato per resistenza a pubblico ufficiale, giovedì mattina è stato processato per direttissima ed ha patteggiato 10 mesi di reclusione con la sospensione della pena.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ristorante costretto a chiudere, i titolari: "Impossibile pagare spese, non parliamo degli aiuti dello Stato"

  • La bravata durante la lezione on-line costa cara a due studenti minorenni

  • Usava il reddito di cittadinanza per giocare nei casinò on-line e vincere 2 milioni di euro

  • Bubana pronto ad aderire a #ioapro: "O apro il ristorante o chiudo per sempre"

  • Organizzano una festa di compleanno e la pubblicano sui social: arriva la Polizia, multe salate a dieci ragazzi

  • Superenalotto, colpaccio a Rimini: centrato un "5" da decine di migliaia di euro

Torna su
RiminiToday è in caricamento