Lunedì, 18 Ottobre 2021
Cronaca

Parco del Mare, al via la progettazione delle aree gioco ispirate a Rodari e le fontane ornamentali

Sarà la fantasia e l’immaginario a guidare la realizzazione e la tematizzazione delle aree che andranno ad arricchire i tratti Tintori e Spadazzi, in corso di conclusione, e i tratti Kennedy-Pascoli al via nei prossimi mesi

 Sarà pubblicato venerdì 2 luglio il bando di gara per l’affidamento della progettazione esecutiva delle aree gioco e delle fontane ornamentali del nuovo Parco del mare di Rimini, il progetto di trasformazione del waterfront orientato alla rinaturalizzazione del lungomare e alla creazione di nuove funzioni e servizi per offrire molteplici possibilità di vivere l’ambiente marino. Sarà la fantasia e l’immaginario di Gianni Rodari a guidare la realizzazione e la tematizzazione delle aree giochi, che per questa prima fase andranno ad arricchire i tratti Tintori e Spadazzi, in corso di conclusione, e i tratti 2-3 (Kennedy-Pascoli) al via nei prossimi mesi. Spazio dunque a foreste del mare, stazioni immaginarie, giostre, torri e giochi d’acqua, per offrire alle famiglie aree ludiche creative e innovative, integrate con il paesaggio del lungomare e non da ultimo inclusive, grazie a soluzioni progettuali che le renderanno accessibili a tutti. Per le tematizzazioni si è attinto alla vasta produzione artistica di Gianni Rodari, scegliendo alcuni dei temi più aderenti al progetto, come il mare, la vacanza, il viaggio, l'inclusività e l'integrazione, il cibo.  Gli obiettivi progettuali indicati nelle linee guida dell’Amministrazione dovranno essere tradotti in soluzioni tecniche innovative e di alto livello oltre che sotto il profilo estetico-percettivo, anche sul piano della sostenibilità ambientale, del risparmio energetico e più in generale del comfort.  

La fantasia di Rodari accompagnerà quindi bambini e adulti nell'esplorazione del Parco del mare, attraverso aree giochi che interpreteranno le suggestioni di alcune tra le più celebri opere dell’autore di cui nel 2020 si è celebrato il centenario. Dalla “foresta del mare” prevista nel tratto 1 - una situazione di gioco immersiva con arrampicate, torre di avvistamento, alberi-fontana - alla stazione immaginaria del lungomare Murri, con strutture gioco a forma di vagoni che interpretano in modo fantastico il susseguirsi dei mesi. Stessa linea progettuale anche per il tratto del lungomare Spadazzi (oggetto di un appalto separato), con giochi ispirati al tema delle navi, della pesca e del cibo. A completare il progetto ci saranno i giochi d’acqua, fontane ornamentali con getti d’acqua a pavimento che creeranno originali effetti scenografici, con altezze che raggiungeranno i tre metri e mezzo.  

“La fantasia, l’allegria e gli insegnamenti di Gianni Rodari accompagneranno bambini e adulti nel Parco del Mare, grazie ad aree gioco realizzate su misura per Rimini e per questo nuovo ambiente urbano – commenta l’assessore alla pianificazione del territorio Roberta Frisoni - Come in una grande filastrocca le nuove aree gioco trasporteranno i bimbi in foreste del mare, treni per ogni dove, case e strade di cioccolato facendoli incontrare muoversi e divertire in parchi gioco di nuova generazione immersi nel contesto del nuovo Parco del Mare sud. Le aree gioco, insieme alle palestre a cielo aperto, sono un tassello fondamentale del progetto di rigenerazione in corso che promuove un nuovo modo di vivere all’insegna dello stare bene, del movimento sano ad ogni età”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Parco del Mare, al via la progettazione delle aree gioco ispirate a Rodari e le fontane ornamentali

RiminiToday è in caricamento