Parco Eolico di Poggio Tre Vescovi, è game over: arriva il 'no' del Governo

E’ di questi giorni e di queste ore l’anticipazione che il Governo centrale e le sue emanazioni tecniche hanno messo la parola fine sul dibattuto progetto di nuovo parco eolico nell’area di Poggio Tre Vescovi,

“E’ di questi giorni e di queste ore l’anticipazione che il Governo centrale e le sue emanazioni tecniche hanno messo la parola fine sul dibattuto progetto di nuovo parco eolico nell’area di Poggio Tre Vescovi, comprendente anche il territorio dell’alta Valmarecchia in Comune di Casteldelci. A quanto pare, quello che in tanti avevano letto nei mesi scorsi come un ‘pasticcio burocratico’ che era andato a riaprire un’ipotesi progettuale che aveva già avuto la contrarietà delle comunità locali, è stato chiuso in sede di conferenza di servizi ministeriale, esprimendo un no definitivo all’intervento”.

A parlare è il sindaco di Rimini, Andrea Gnassi, in merito al definitivo ‘no’ sulla realizzazione dell’impianto eolico di Poggio Tre Vescovi.

“Ritengo che sia stata fatta la cosa migliore, nell’interesse pubblico e del futuro dei territori. Ribadisco ancora una volta le motivazioni che mi avevano già portato a esprimere forti perplessità circa il progetto di Poggio Tre Vescovi. Innanzitutto il paesaggio è tutelato dalla Costituzione, poi il Ministero per i Beni Culturali ha proprio di recente investito risorse legate alla valorizzazione dei borghi e dell’entroterra proprio per offrire alla montagna gli strumenti per promuovere se stessa come deterrente per evitare lo spopolamento e la marginalità dei servizi”.

Inoltre, continua Gnassi, “diversi imprenditori in Valmarecchia, la stessa Regione, non si stanno risparmiando per realizzare progetti e politiche che vanno nella direzione di un nuovo modo di intendere l’economia legata al turismo sostenibile e alla bellezza dei luoghi e del paesaggio. Su iniziative come ‘Le terre di Piero della Francesca’ o i balconi della Gioconda, facciamo finta di avere scherzato? Voglio dire che la via imboccata da tempo anche dai paesi della Valmarecchia porta a un capolinea ben definito che è quello della valorizzazione dell’oro del paesaggio; di un giacimento inesauribile e eterno di bellezza, arte, cultura; dell’ospitalità; del turismo esperienziale; di una vocazione naturale che si fa modello di sviluppo concreto sulla base degli sforzi di istituzioni e privati. Il progetto di Poggio Tre Vescovi c’entra poco o nulla con questo”.

“L’interesse pubblico è da tutelare. E a quanto pare è stato tutelato. E per questo si deve guardare al merito, alla sua potenzialità, alle sue prospettive, al pubblico interesse. Per questo, ritengo, anche in sede tecnica statale si sia bocciato il progetto e da questo adesso si deve ripartire: dal paesaggio, dalle agevolazioni e progetti ministeriali e regionali per valorizzarlo e promuoverlo, dal futuro e dallo sviluppo della Valmarecchia e dell’intero territorio puntando su arte, cultura, e in definitiva su quello che Tonino Guerra definiva il ‘petrolio’ italiano: l’insuperabile bellezza”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Chiara Ferragni stringe un accordo con gruppo di moda romagnolo: "I primi a credere in me dieci anni fa"

  • Il mondo della notte piange la scomparsa di Giancarlo Montebelli

  • Arrestato con l'accusa di aver abusato delle due cugine dodicenni, una rimane incinta

  • Coronavirus, l'Emilia Romagna resta "arancione". In arrivo ordinanza più soft: riaprono i negozi nei festivi

  • Scacco allo spaccio, sequestrati oltre 21 chili di stupefacente

  • Guida Michelin 2021, le "stelle" brillano nel Riminese con una novità

Torna su
RiminiToday è in caricamento