Parco eolico: "no alla distruzione dei paesaggi di Piero della Francesca"

Il comitato è fortemente contrario alla realizzazione dell'impianto di Poggio Tre Vescovi

Tira aria di burrasca sul progetto del parco eolico di Poggio dei Tre Vescovi con il comitato Amici della Valmarecchia che è fortemente contrario alla sua realizzazione. Lo slogan è quello di salvare i paesaggi di Piero della Francesca dall'installazione delle torri che, secondo i progetti, sarebbero alte diverse decine di metri. "Come comitato vorremmo  contribuire alla divulgazione di una giusta informazione sul Parco Eolico del Poggio dei Tre Vescovi perché è seriamente a rischio l'impatto paesaggistico e  la sicurezza idrogeologica dell’intera area della Valmarecchia, Toscana e romagnola - scrivono in una nota stampa. - Il Parco era stato bocciato già nel 2012 dal Consiglio dei  Ministri dopo le bocciature del  Ministero dei beni Culturali e  dalle Sovraintendenze delle Regioni Emilia Romagna, Toscana, Marche e da parte di organizzazioni quali Italia Nostra, WWF. A distanza di pochi anni  la stessa proponente Geo Italia , una Società Italiana in liquidazione  dal 2014 e di proprietà del Gruppo tedesco GEO mbH, reitera il progetto in seguito ad un ricorso per un vizio di forma".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Come Gruppo di liberi cittadini della Valmarecchia - aggiungono - confidiamo in una giusta informazione a fronte di una divulgazione di notizie  inesatte, di negazione e strumentalizzazione di altre. Questo in un'area caratterizzata  da un terreno friabile e franoso e di grande ricchezza  storica,  architettonica e ambientale con numerose riserve. Ci  sono tutte le premesse per un altro misfatto ambientale e territoriale italiano anche per i metodi usati. Alcuni giorni fa infatti, ad un emittente locale Luigi Cappella, sindaco di Casteldelci, uno dei comuni con le aree  interessate al mega progetto eolico,  si è sfogato in diretta sulle 'pressioni inappropriate' esercitate su di lui e sui consiglieri della sua Giunta da parte della proponente. Questa cosa è di una gravità inaudita. Inaccettabile. Non può e non deve passare in sordina. La libertà di espressione è una delle condizioni di base per il progresso della società democratica e l’Amministrazione Comunale come organi di Governo deve essere tutelata nel suo libero convincimento per addivenire a delle scelte obiettive nell’interesse della collettività che rappresenta per libere elezioni. Noi del Comitato senza se e senza ma siamo con l’Amministrazione Comunale di Casteldelci per portare il dibattito sul merito del progetto con un confronto delle idee in libertà e in modalità consone ad  uno stato civile e democratico senza retoriche forvianti e strumentalizzazioni atte a distogliere l’attenzione pubblica dal problema".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, quota 100 contagiati nel Riminese: boom di tamponi

  • Tragedia sul campo da calcio, muore a 9 anni mentre gioca con gli amici

  • Nuovo dpcm, è un mini lockdown: ristoranti chiusi alle 18. Stop per cinema, palestre e teatri

  • Coronavirus, in arrivo la nuova stretta. Verso lo stop di palestre e cinema. Per i ristoranti chiusura anticipata

  • Ammazza la moglie a martellate e poi si costituisce

  • Un locale del Riminese tra i migliori bar d'Italia premiati dal Gambero Rosso

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RiminiToday è in caricamento