Cronaca

Parere favorevole all’atto di indirizzo sulla gestione del mercato ittico

Mantenere il servizio pubblico di mercato ittico all’ingrosso e procedere ad un bando per la gestione fino alla realizzazione del progetto di recupero e riqualificazione

Mantenere il servizio pubblico di mercato ittico all’ingrosso e procedere ad un bando per la gestione fino alla realizzazione del progetto di recupero e riqualificazione urbanistica dell’intera area portuale: sono questi i principali aspetti contenuti nell’atto di indirizzo  politico per la gestione del mercato ittico che questa mattina ha ottenuto il parere favorevole della V Commissione consigliare. Attraverso questo atto di indirizzo si darà mandato alla Giunta comunale e al dirigente del settore attività economiche di attivarsi per individuare un soggetto al quale dare in concessione il servizio di mercato ittico, attualmente gestito dalla Cooperativa lavoratori del mare e in scadenza il prossimo 30 settembre. L’atto di indirizzo poggia sulla volontà dell’Amministrazione di mantenere pubblico il servizio di mercato ittico all’ingrosso, in modo tale da continuare a garantire agli operatori del settore la commercializzazione dei prodotti ittici a prezzi controllati, così come una regolamentazione delle contrattazioni fra pescatori ed acquirenti attraverso il contenimento dei costi di distribuzione del prodotto, attraverso strutture adeguate che favoriscano l’approvvigionamento del pescato. L’affidamento della gestione avverrà attraverso un procedimento ad evidenza pubblica e durerà il tempo necessario alla realizzazione del progetto di riqualificazione del sistema portuale riminese, che interessa pesca, cantieristica, servizi o comunque per un periodo di tre anni, eventualmente rinnovabile, affinché venga assicurata una continuità di esercizio.

L’attività principale del mercato ittico consiste nel commercio all’ingrosso di prodotti freschi provenienti dai pescherecci locali (prima vendita); l'attività secondaria è rappresentata dalla vendita di prodotti di varia tipologia, confezionati da grossisti e venduti a trattativa diretta fuori dall'asta (seconda vendita). Il prodotto ittico che rientra nella prima vendita si suddivide in pescato sbarcato dai pescherecci direttamente nel porto di Rimini (72%) e pescato sbarcato da pescherecci provenienti da altre marine (6,5%); il prodotto di seconda vendita (seconda commercializzazione e importazione) rappresenta il restante 21,5%. I pescherecci che si alternano ogni giorno alla vendita sono circa una trentina su un totale di circa ottanta unità, mentre i grossisti che operano nel Mercato con la seconda vendita sono una decina. Il prodotto commercializzato è in media di circa 2.000 tonnellate annue, per un valore di vendite di circa 11 milioni di euro.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Parere favorevole all’atto di indirizzo sulla gestione del mercato ittico

RiminiToday è in caricamento