Parti intime troppo "gonfie", i poliziotti scoprono la scorta di stupefacenti

Un cittadino del Gambia aveva nascosto negli slip un contenitore dove aveva riposto la droga

Durante i servizi di controllo del territorio da parte della polizia di Stato, finalizzati al contrasto dello spaccio di stupefacenti, gli agenti hanno arrestato un cittadino del Gambia 34enne pizzicato con una scorta di droga. Una pattuglia, mentre transitava sul lungomare Tintori a Rimini, all'altezza del Bagno 5 ha notato un gruppo di ragazzi seduti sulla balaustra e intenti a confabulare con fare sospetto. Alla vista dei lampeggianti, una ragazza ha cercato di allontanarsi senza dare nell'occhio e, mentre si dirigeva verso piazzal Boscovich, ha gettato a terra un involucro convinta di non essere vista. La manovra, tuttavia, non è passata inosservata al personale della polizia di Stato che ha deciso di fermarla insieme a tutto il gruppo. Ad essere recuperato è stato un involucro, contenente diverse decine di grammi di marijuana, ma ad insospettire ancora di più gli agenti è stato lo straniero che presentava un rigonfiamento anomalo all'altezza dei genitali. Perquisito, dagli slip del 34enne è spuntato un involucro in plastica trasparente contenente a sua volta altre tre confezioni in cellophane termosaldati contenenti altra droga. La successiva perquisizione personale ha consentito inoltre di accertare che, sempre all’interno degli slip, il ragazzo nascondeva un altro involucro in cellophane contenente altra marijuana che gli è valsa l'arresto.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Riapre un supermercato storico della Riviera: 78 lavoratori e un investimento di 4 milioni

  • Cachi: il frutto che aiuta a combattere la stanchezza

  • Terremoto in mare, epicentro individuato davanti alla costa riminese

  • "Armato di pistola in piazza Ferrari", Pecci lancia l'allarme sulla sicurezza

  • Nuova ordinanza regionale, si allarga la rete dei negozi aperti nei festivi. Restrizioni fino al 27 novembre

  • Disse "mare di merda" sui social, arriva il decreto di condanna per diffamazione nei confronti di Rimini

Torna su
RiminiToday è in caricamento