menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Patrimonio Mobilità contro Riccione: "L'area contestata non è nella nostra disponibilità"

Dopo l'avvio del contenzioso da parte dell'amministrazione comunale che batte cassa chiedendo 300mila euro

Dopo l'annuncio del Comune di Riccione che ha fatto causa a Pmr, Patrimonio mobilità Romagna, chiedendo la restituzione di un terreno in via Lombardia e il pagamento dell’indennità di occupazione quantificata in 300.938 euro, arriva la risposta dell'azienda che sostiene di non avere la disponibilità dell'area. La giunta comunale aveva dato mandato all’ufficio legale comunale per presentare davanti al Tribunale di Rimini l’azione civile per il terreno a ridosso di via Lombardia e il pagamento dell’indennità di occupazione dal 2011 al giugno del 2020 per appunto 300mila euro. "In relazione all'affermazione del Comune di Riccione secondo la quale Patrimonio Mobilità provincia di Rimini (PMR  Srl consortile) occuperebbe senza titolo dal 2011 un terreno sito in via Lombardia per il deposito di autobus - spiega l'amministratore unico Stefano Giannini - si precisa che, come ripetutamente scritto, detto e ripetuto a questo Comune, l'area non è nella disponibilità di PMR dato che non gestisce il servizio di trasporto pubblico ma si occupa di realizzare infrastrutture; tale terreno è nel pieno e legittimo utilizzo di Start Romagna, cioè del gestore del servizio di trasporto pubblico della Romagna; in particolare l'area serve ed è stata asservita da oltre 40 anni alle esigenze del bacino dei trasporti pubblici di Riccione".

"Tale parcheggio - prosegue Giannini - è da sempre nella concreta disponibilità del soggetto gestore del Trasporto pubblico operante nel comune di Riccione; dapprima di TPU, quando il servizio era svolto dall'azienda speciale del Comune di Riccione, poi di TRAM, quando TPU si è unificata per fusione con ATAM portandolo come necessaria dote indispensabile per svolgere il servizio pubblico. L’area è sempre stata messa a disposizione gratuitamente dal Comune di Riccione al gestore del servizio nel suo territorio Comunale, come del resto è prassi normale: ci sono infatti altre aree in Provincia similmente messe a disposizione gratuita da parte dei Comuni a Start Romagna. Sotto questo profilo è un'area che può definirsi indispensabile ai sensi dell'allegato A della delibera 154 /2019 di ART (l’Autorità nazionale sul servizio di trasporto) cioè non essenziale ed infungibile ma certamente si tratta di un parcheggio che per la zona sud della Provincia, in particolare per Riccione e Comuni limitrofi, è necessario sia disponibile per il corretto funzionamento degli autobus pubblici".

"Il contratto - conclude l'amministratore unico - concedente il diritto di superficie stipulato anni fa dal Comune di Riccione con Tram Agenzia e scaduto da una decina di anni, come citato dal Comune di Riccione, era un atto formale necessario per poter accedere al finanziamento regionale concesso per l’asfaltatura del piazzale: la Regione giustamente pretendeva l’esistenza di un diritto reale con una durata minima per concedere il finanziamento all’opera pubblica. Ma anche in tale frangente l'area è rimasta senza soluzione di continuità nella detenzione concreta del gestore del servizio pubblico, che ha continuato a mantenerla fino ai giorni odierni, tanto che Start la riconosce formalmente come in propria disponibilità concessa ad uso gratuito dal Comune di Riccione. Quindi non si vede come PMR possa restituire al Comune qualcosa di cui non ha la disponibilità".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Cura della persona

Soap brows, la nuova tendenza per sopracciglia perfette

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RiminiToday è in caricamento